Siccità, Codacons pronto a class action in caso di razionamento dell’acqua

0
Siccità, Codacons pronto a class action in caso di razionamento dell’acqua

ARTICOLI IN EVIDENZA

Se si arriverà al razionamento dell’acqua con la sospensione del servizio idrico alle famiglie, scatterà una class action del Codacons per conto di tutti i cittadini romani cui sarà tagliata l’acqua. 
Ne dà notizia l’associazione dei consumatori, che interverrà al Tribunale delle acque a sostegno del ricorso di Acea contro l’ordinanza della Regione Lazio. 
”Siamo pronti ad intentare una azione risarcitoria collettiva conto Regione, Comune e Acea, a favore di tutti i romani che saranno coinvolti nel razionamento dell’acqua – spiega il presidente Carlo Rienzi – Questo perché le famiglie pagano tariffe idriche per un servizio che deve essere garantito con continuità, e che è già soggetto a gravi inefficienze, sprechi e perdite di ogni tipo”.
In particolare il Codacons punta il dito contro i mancati interventi sulla rete che determinano oggi una dispersione di acqua pari al 45% nella sola capitale. 
”Vogliamo che gli utili di Acea siano destinati interamente a sanare la rete di distribuzione dell’acqua, perché le criticità hanno raggiunto livelli inaccettabili – prosegue Rienzi – Per tale motivo stiamo preparando un ricorso alla Corte dei Conti e alla Procura, affinché si obblighi l’azienda e il comune di Roma a utilizzare per i prossimi 5 anni i dividendi interamente per eliminare sprechi e perdite di condotti e tubature, senza remunerare i soci”.
Intanto l’associazione impugnera’ l’ordinanza della regione Lazio sul lago di Bracciano al tribunale delle acque, sostenendo il ricorso di Acea.

È SUCCESSO OGGI...

Roma, prosegue la lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte della polizia: 13...

0
I poliziotti del commissariato Trastevere hanno denunciato, in stato di libertà, un minorenne che, in Piazza San Cosimato, è stato trovato in possesso di 0.9 grammi di marijuana e 21 grammi di...

Coronavirus, in Serbia le bugie di stato

0
Da Belgrado Antonela Riha per Obc (Osservatorio Balcani e Caucaso, periodico on line) scrive che a più di tre mesi dall’annucio dell’epidemia di coronavirus, in Serbia si registra un drammatico aumento di...