Mafia Capitale, iniziata la requisitoria dei pm: «Buzzi è un caso di inattendibilità totale»

0
Mafia Capitale, iniziata la requisitoria dei pm: «Buzzi è un caso di inattendibilità totale»
Salvatore Buzzi

ARTICOLI IN EVIDENZA

Nell’aula Bunker di Rebibbia è iniziata questa mattina la requisitoria dei pubblici ministeri al processo di Mafia capitale che verrà seguita dalle arringhe dei difensori e andrà a sentenza entro giugno.

ASSOCIAZIONE MAFIOSA

Stamane ad aprire le danze dibattimentali è stato il procuratore aggiunto Paolo Ielo.

Un esordio secco, netto che è andato al nocciolo dell’indagine del ‘mondo di mezzo’.

«L’associazione mafiosa sta tutta qui, in questa aula, è quella che era contenuta nell’ordinanza di custodia cautelare.

Sbaglia chi pensa che con il decreto di archiviazione del gip dello scorso febbraio si sia sgonfiato tutto» facendo riferimento alle 113 archiviazioni disposte dal gip Flavia Costantini.

Poi per smontare i toni da guerriero ‘nero’ esibiti da Carminati nella sua deposizione Ielo spiega che l’accusa «non è in guerra con nessuno».

Perché «il cuore di questo processo sono le intercettazioni telefoniche e ambientali, che costituiscono una prova autonoma senza bisogno di riscontro.

Ascoltatele anche voi – ha detto rivolgendosi ai giudici del tribunale – e verificate se il tono di quelle dichiarazioni e di quelle conversazioni fosse quello di quattro amici al bar che stavano solo chiacchierando».

IL RUOLO DI BUZZI

Per Ielo il capo delle coop sociali Buzzi è «un caso di scuola di inattendibilità, radicalmente, totalmente e assolutamente inattendibile».

Perché se l’imputato «ha diritto alla menzogna, proprio per questo quando lo si valuta bisogna farlo con filtro critico».

Un Buzzi, quello delle intercettazioni «cui segue un Buzzi due, un tre e poi un quattro legato alle (sue) varie dichiarazioni…».

Ma la sostanza di tutto l’impianto accusatorio è dimostrare l’imputazione per mafia (416 bis) che viene contestato dalla difesa nel tentativo di dimostrare che si è trattato solo di corruzione.

È a questo punto che  tocca al Pm Cascini rafforzare la tesi dell’accusa.

«Non dobbiamo stabilire oggi se c’è la mafia a Roma, sappiamo che c’è.

Lo sappiamo dai processi celebrati ad appartenenti alle cosche e dai sequestri patrimoniali.

Dunque non dobbiamo stabilire qualcosa che già si sa» ma stabilire se il sodalizio Buzzi/Carminati rientri nel perimetro di associazione mafiosa del 416 bis.

Secondo Cascini la matrice dell’organizzazione nasce dalla criminalità che «ha infestato Roma a cavallo degli anni ’70 e ’80 in cui Carminati ha avuto un ruolo fondamentale grazie al suo capitale criminale».

Forte di questa eredità mafia Capitale non ha più bisogno di «imporre con la violenza la propria forza.

Può contare sul capitale originario e su una città, Roma, che è diversa da tutte le altre».

LE MAFIE A ROMA

D’altra parte le mafie note a Roma sono diverse.

E fra queste da decenni «vige un patto di convivenza tra organizzazioni autoctone e provenienti dai territori tradizionali.

Con uomini che hanno fatto da garante a questa pax, in cui non si ammazza e non ci sono guerre tra bande. Questi uomini sono Carminati, Senese (Camorra) e Fasciani (Ostia)».

Del pluralismo di questa nuova mafiosità si alimenta l’organizzazione di Carminati che inizialmente dedita alle estorsioni.

Poi però finisce per occuparsi «del controllo di attività economiche, appalti e commesse pubbliche.

Una organizzazione criminale che parte dai pollici spezzati dietro al benzinaio (di corso Francia ndr) e arriva al sindaco della città, corrotto da Buzzi e Carminati.

Solo vedendola nel complesso questa vicenda riusciamo a coglierne la mafiosità».

FAMA CRIMINALE

Questa organizzazione che negli anni, dalla banda della Magliana in poi «ha accumulato una fama e una forza criminale, accresciuta anche dalla rappresentazione mediatica che di questo soggetto è stata data da romanzi, film e serie tv.

La percezione della forza dell’associazione conta quanto la reale forza dell’associazione.

Ma la fama criminale determina paura, assoggettamento e omertà che sono le caratteristiche di un’organizzazione mafiosa» ha concluso Cascini.
Giuliano Longo

Leggi anche: Champions, Juventus-Barcellona in diretta tv e streaming gratis

È SUCCESSO OGGI...