Giornata dell’infanzia: le case famiglie chiedono regole moderne

0
Giornata dell’infanzia: le case famiglie chiedono regole moderne

ARTICOLI IN EVIDENZA

«Il 20 novembre non sia soltanto un momento di celebrazione, ma una concreta occasione per proseguire sulla strada della piena attuazione dei diritti dei minori, compresi i diritti dei bambini con disabilità e al di fuori della famiglia d’origine, forse i più vulnerabili tra i vulnerabili».

Questo l’auspicio di Casa al plurale, l’associazione che coordinale case famiglia per persone con disabilità, minori in difficoltà e donne con bambino a rischio a Roma e nel Lazio e della Fish, la Federazione italiana per il superamento dell’Handicap nella giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

«Se dal punto di vista della legge e del cuore è fuori dubbio che questi bambini, nel momento in cui non accedono all’adozione o all’affido familiare, vanno accolti in case famiglia autorizzate ad operare come strutture socio assistenziali – afferma Casa al Plurale – di fatto, nella realtà quotidiana, all’interno della Regione Lazio, non è riconosciuto pienamente il valore di questa forma così specifica e insostituibile dell’accoglienza per dei bambini che hanno, come gli altri, il diritto di vivere e crescere in famiglia, amati ed accuditi.

Nella Regione Lazio sono stati fatti grandi passi in avanti, con le recenti modifiche normative (Legge regionale n. 11 del 10/08/16 Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio), ma è ora necessario superare la storica ed errata scissione fra sociale e sanitario e individuare così le modifiche ai requisiti di accreditamento delle strutture di accoglienza. I bambini di cui si parla – conclude Casa al Plurale – hanno esigenze sociali e sanitarie ed hanno diritto di vivere in un ambiente familiare: si tratta, perciò, di normare questi diritti e renderli esigibili, come accade in tante regioni italiane come la Lombardia e l’Emilia Romagna».
F.U.

È SUCCESSO OGGI...