I “Ragazzi di Vita” di Lino Guanciale al Teatro Argentina

0
I “Ragazzi di Vita” di Lino Guanciale al Teatro Argentina

ARTICOLI IN EVIDENZA

Dal romanzo che nel 1955 diede scandalo con le sue storie di povertà e disperazione, Massimo Popolizio dirige Lino Guanciale e un folto gruppo di giovani attori (18 interpreti), su drammaturgia di Emanuele Trevi, dando vita ad un universo di fibrillazioni e vitalità anarchiche. Ragazzi di vita, l’esordio narrativo di Pier Paolo Pasolini, apre la Stagione del Teatro Argentina, in prima nazionale dal 26 ottobre al 20 novembre. Una produzione Teatro di Roma che chiude l’anno pasoliniano con la messa in scena del primo romanzo del “poeta corsaro”, edito per Garzanti, che gli valse un processo e il ruolo di provocatore della società perbenista.

Il Riccetto, Agnolo, il Begalone, Alvaro, e ancora il Caciotta, lo Spudorato, Amerigo: sono alcuni dei ragazzi delle borgate di periferia che parlano in romanesco e trascorrono le loro giornate alla ricerca di qualche lira e nuovi passatempi. Sono i “ragazzi” di Pasolini nati orfani d’innocenza che agguantano la vita a piene mani, riversando per le strade le loro vitalità emarginate. «Libero dalle costrizioni di una vera e propria trama, in bilico tra il romanzo e la raccolta di racconti indipendenti l’uno dall’altro, il testo sembra consistere in una serie di scene nelle quali il senso del comico e quello del tragico non si oppongono ma si trasformano – annota Emanuele Trevi, che ha curato la drammaturgia dello spettacolo – In queste scene prevalgono una marcata gestualità e il parlato romanesco, o meglio quella singolare invenzione verbale, di gusto espressionista e non neorealistico, che Pasolini definiva una lingua inventata, artificiale. Non è insomma la lingua in cui parlano i «ragazzi di vita», ma la loro lingua».

Sul palcoscenico una coralità di voci, 18 ragazzi a comporre il vasto repertorio di personaggi, quasi un paesaggio antropologico, con continue sovrapposizioni di spregiudicatezza e pudore, violenza e bontà, brutalità e dolcezza, ma anche ironia e divertimento, per un viaggio alla ricerca del “furore” da rappresentare: la candida, cinica, disperata vitalità di una generazione intenta ad assecondare il “naturale istinto della sopravvivenza”. A guidarli in questo affresco, dove le vicende si alternano suddivise in episodi e archi temporali, è la regia di Massimo Popolizio che ci porta “dentro” le giornate dei giovani sottoproletari con uno “sguardo panoramico”. Racconti di vite con cui ci restituisce la generosità e la violenza, il comico, il tragico, il grottesco di uno sciame umano che dai palazzoni delle periferie si sposta verso il centro. Dal Fontanone a Piazza di Spagna, dal Tiburtino a Centocelle, dalle acque del fiume Tevere ai bagni del Lido di Ostia, un itinerario picaresco che diventa un “set di scene”, frammenti di storie in continuo cambiamento che ritraggono una Roma che non c’è più, dove forse si rintraccia il senso dell’estraneità dei nostri tempi.

È SUCCESSO OGGI...