Addio a Marta Marzotto, da mondina a stilista di successo

0

È morta a 85 anni Marta Marzotto. La conferma è arrivata con un tweet della nipote Beatrice Borromeo (“Ciao nonita mia”) che pubblica una foto di Marta. Stilista e modella  per anni ha fatto parlare di sè nelle cronache del bel mondo fra  amori, vicende giudiziarie, salotti e scandali.

Cinque figli, un marito aristocratico, il conte Umberto Marzotto, di cui ha conservato il cognome anche dopo il divorzio e due grandi amori Renato Guttuso e Lucio Magri. Ammirata anche da tanti personaggi influenti fra i quali il Presidente della Repubblica Sandro Pertini, era nata a Reggio Emilia il 24 febbraio 1931 e fra le risaie della Lomellina aveva cominciato a lavorare in gioventù come mondina seguendo le orme della madre.

Dopo quella durissima esperienza fatta di privazioni cominciò a lavorare  come apprendista sarta. E fa carriera a Milano, dove si era trasferita nel frattempo, ottenendo successi nel mondo della moda prima come modella e poi stilista lei stessa. Tanto che con l’andar del tempo il suo nome divenne una griffe affermata.

Ed è proprio in quel mondo che nei primi anni cinquanta Marta conosce il conte Umberto Marzotto, notissimo industriale del vicentino a Valdagno, patron con i fratelli della conosciutissima industria tessile. Le cronache riportano del loro matrimonio nel 1954 che dura 15 anni con la nascita di cinque figli: Paola (nata nel 1955), Annalisa (nata nel 1957, morta nel 1989), Vittorio Emanuele (1960), Maria Diamante (1963) e Matteo (1966). Personalità esuberante conosce il celebre pittore Renato Guttuso e ne diviene l’ispiratrice con un grande amore per venti anni.

Nel frattempo divorzia e conosce Magri allora segretario del Partito di unità proletaria per il comunismo a sinistra del PCI con il quale intrattiene una relazione durata per 10 anni. Grande signora dei salotti che contano si rende nota per i suoi eleganti caftani, ma nel frattempo non riesce a evitare anche qualche bega giudiziaria. Infatti nel 2006 viene condannata in primo grado per aver riprodotto alcune opere di Guttuso in suo possesso i cui diritti sarebbero spettati al figlio dell’artista. Nel 2011 la Corte d’Appello ribalta la sentenza perchè il fatto non costituisce reato.

Foto Facebook

Lucignolo

È SUCCESSO OGGI...

Quattro nuove chiusure per il casello di San Cesareo

0
Sulla Diramazione Roma Sud D19, per consentire lavori di manutenzione delle barriere di sicurezza, nelle quattro notti di lunedì 6, martedì 7, mercoledì 8 e giovedì 9 febbraio, con orario 21-5, sarà...
Bimbo di due anni cade in un pozzo di 8 metri

Esplosione in un appartamento: un ferito e palazzina sventrata

0
Un boato, porte e finestre che saltano e poi le fiamme: sono stati attimi di enorme paura quelli vissuti dai residenti di una palazzina di via Nereto, a La Rustica, sabato pomeriggio. L’esplosione...

Covid, casi in aumento nel Lazio

0
Oggi nel Lazio su 1.730 tamponi molecolari e 5.818 tamponi antigenici antiCovid - per un totale di 7.548 tamponi - si registrano 908 nuovi casi positivi (+278), sono 3 i decessi (-4),...

Percepivano il reddito di cittadinanza senza diritto: 61 denunciati in provincia di Roma

0
Proseguono gli accertamenti dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma mirati alla verifica del possesso dei requisiti utili alla concessione del Reddito di Cittadinanza. Negli ultimi giorni, 61 persone sono state denunciate...