Mentana, pesta a calci e pugni la compagna e il bimbo di un anno: arrestato

0
Mentana, pesta a calci e pugni la compagna e il bimbo di un anno: arrestato

ARTICOLI IN EVIDENZA

È a una decina di chilometri dalla periferia est di Roma, nel centro storico del comune di Mentana, che si è consumato l’ennesimo caso di violenza in famiglia. Una mamma e il suo bimbo di appena un anno sono stati aggrediti con assurda violenza proprio dall’uomo che avrebbe dovuto amarli e proteggerli più di ogni altro: dal convivente della donna, padre naturale del piccolo. L’uomo, un cittadino romeno di 33 anni, è stato così arrestato dai carabinieri della stazione di Mentana per maltrattamenti in famiglia aggravati e lesioni personali.

LA TELEFONATA DELLA DISPERAZIONE

Ad allertare i militari era stata una telefonata effettuata al 112 proprio dalla donna che, dopo l’ennesima feroce violenza con calci e pugni di cui, questa volta, era rimasto vittima anche il suo bimbo, aveva trovato il coraggio di chiedere aiuto. Arrivati prontamente sul posto, gli uomini dell’Arma hanno sorpreso l’uomo mentre, imperterrito, continuava a inveire contro di lei. Lo hanno quindi fermato e condotto in caserma, mentre la compagna e il piccolo sono stati trasportati al pronto soccorso dell’ospedale di Tivoli.

LE CURE ALL’OSPEDALE DI TIVOLI

Dopo le cure del caso, i due sono stati dimessi rispettivamente con una prognosi di 25 giorni per trauma cranico e toracico, e con una di 5 giorni per trauma cranico facciale.

LA DENUNCIA E L’ARRESTO

La donna, finalmente al sicuro, ha denunciato tutte le violenze subite, inclusa l’ultima, avvenuta per futili motivi, durante la quale il convivente l’aveva ripetutamente colpita al volto, strattonando violentemente anche il bimbo. Il 33enne è stato così arrestato e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria di Tivoli. La fine di un incubo per la donna e suo figlio che sono stati affidati alle cure di una casa famiglia.

È SUCCESSO OGGI...