Ex Videocon di Anagni, torna lo spettro della vendita

0
Ex Videocon di Anagni, torna lo spettro della vendita

ARTICOLI IN EVIDENZA

Videocon ancora nell’incertezza? L’idea della Regione lo scorso anno era quella di finanziare  lo stabilimento per farne un incubatore per piccole e medie imprese e start up innovative, con il contributo di Regione e Ministero per la valorizzazione dei siti industriali dismessi. Allora sarebbero stati disponibili  2 milioni di euro ma non solo per la ex Videocon.
Oggi i sette ettari dello stabilimento che ospitavano una delle aziende più grandi della provincia di Frosinone e coinvolgevano lavoratori anche dalla limitrofa provincia di Roma verranno messi in vendita a  un prezzo sicuramente stracciato, ma non tale da  interessare gli imprenditori locali.

«Gli imprenditori interessati potrebbero aggregarsi e formare un condominio  e rispondere comunque al bando»  ha spiegato il presidente del Consorzio Asi, Francesco De Angelis sulla pagina locale del Messaggero. Invece sul contributo pubblico annunciato il 16 febbraio del 2015 da Regione e Governo è calato il silenzio per cui è giocoforza che il Consorzio debba vendere tutto in blocco con un regolare bando. La ex Videocon di Anagni dove si producevano cinescopi, fu dichiarata fallita e i  1300 operai furono messi in mobilità dopo la scadenza della cassa integrazione straordinaria il 14 dicembre 2012. Dall’anno successivo furono numerosi i piani e le proposte per la re-industrializzazzione di quel territorio gravemente colpito in termini occupazionali.

Verso la fine di giugno del 2015  Nicola Zingaretti e il presidente del Consorzio Francesco De Angelis sottoscrissero il protocollo d’intesa per la reindustrializzazione del sito. L’accordo prevedeva che che il Consorzio per lo Sviluppo Industriale (CSI) concludesse la procedura di acquisizione dell’area per rilanciarla, mentre la Regione doveva attivare  tutte le misure necessarie a supportare il consorzio nel mantenimento del sito fino alla sua vendita o riqualificazione industriale. Ipotesi, la seconda, destinata a naufragare mentre la vendita trascinerà una situazione ormai morta e sepolta da sette anni.

È SUCCESSO OGGI...