Carabinieri in azione: tre arresti in centro. Fermati anche due ragazzini

0
Carabinieri in azione: tre arresti in centro. Fermati anche due ragazzini
Foto archivio (Fonte Dire)

ARTICOLI IN EVIDENZA

Tre persone arrestate, due minorenni fermati e un’altra persona denunciata a piede libero per i reati di furto aggravato, ricettazione e spaccio di sostanze stupefacenti nelle ultime 48 ore da parte dei carabinieri della Compagnia Roma Centro, all’azione sia in divisa che in abiti civili.

I carabinieri del Comando Roma Piazza Venezia hanno arrestato un 17enne romeno, senza fissa dimora a Roma e con precedenti, sorpreso mentre asportava capi di abbigliamento sportivo da un negozio di via del Corso, dopo aver forzato le placche antitaccheggio.

I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro hanno arrestato un 46enne di Napoli, disoccupato e con precedenti, colto in flagranza mentre asportava merce da un supermercato di piazza Indipendenza. I militari hanno accertato che l’uomo alloggiava in un albergo vicino ed hanno deciso di perquisire la sua camera, dove hanno rinvenuto altra merce dello stesso tipo, provento di furto.

In un’altra attività, gli stessi militari hanno arrestato un 34enne tunisino e denunciato a piede libero un 19enne egiziano per il reato di spaccio di stupefacenti. Entrambi sono stati fermati all’interno dei giardini “Einaudi”, il 34enne è stato colto in flagranza mentre cedeva una dose di droga ad un giovane e trovato in possesso di 13 g di hashish, diviso in dosi e pronti alla vendita. Invece, il 19enne egiziano è stato controllato e trovato in possesso di sostanza stupefacente, 3 gr. di hashish in dosi e pronte alla vendita.

I carabinieri della Stazione Roma Quirinale hanno fermato una bambina di 10 anni e un 14enne, entrambi bosniaci e domiciliati nel campo nomadi di Castel Romano, sorpresi all’interno della stazione metro Repubblica mentre asportavano dal giubbotto di un turista giapponese, di 50 anni, lo smartphone e il portafogli. I due minori sono stati affidati ad un centro di accoglienza e la refurtiva è stata restituita alla vittima.

È SUCCESSO OGGI...