Monte Porzio Catone, grave furto alla scuola media Don Milani

0
Monte Porzio Catone, grave furto alla scuola media Don Milani

ARTICOLI IN EVIDENZA

Verrebbe da dire: ci risiamo, ancora una scuola colpita! “Fortunatamente” non esiste nessun collegamento tra il recente furto corredato da gravi atti di vandalismo e gli altri episodi ( principalmente danneggiamento) di cui sono state vittime le scuole di Rocca di Papa, Colonna e Grottaferrata. Un episodio unico  – quello di Monte Porzio Catone –  che speriamo resti tale. Nella giornata di Pasquetta  ignoti,  a conoscenza dell’ambiente della scuola media di Monte Porzio Catone – Don Milani –  si sono introdotti nell’edificio dal lato della palestra, unica zona non assistita dal servizio di video sorveglianza e mal difesa dalla porta che si apriva ( ora speriamo non più)  con una poderosa spallata. I malviventi dopo essersi appropriati di 8 pc portatili  si sono fermati davanti alla zona sorvegliata dalla fotocellule evitando così di far scattare l’allarme. Dopo aver agito indisturbati complice anche la giornata festiva, si sono ritirati percorrendo a ritroso il cammino fatto. Durante “la ritirata” hanno avuto l’insana e malaugurata idea di aprire tre estintori a polvere per cancellare eventuali impronte sul pavimento. Il risultato è che la scuola è stata chiusa con ordinanza del sindaco Pucci , da martedi 29 marzo fino a venerdi 1° aprile, prolungando – di fatto – le vacanze fino a lunedi 4 aprile, giorno di inizio delle lezioni. La ditta incaricata prontamente dal comune  della bonifica ha assicurato che , a costo di lavorare di notte , per lunedi la scuola sarà di nuovo agibile. Solo la palestra richiederà qualche giorno in più di lavoro considerata la vastità della superficie e la peculiare struttura del soffitto completamente ricoperti da polvere ignifuga altamente tossica. Il danno ammonterebbe ad alcune migliaia di euro.

I carabinieri della locale stazione, fin da subito si sono impegnati con costante determinazione nelle indagini, che per loro stessa natura si presentano molto problematiche: nessuna immagine registrata, nessun testimone, zero tracce lasciate dai ladri.  Speriamo che la loro costante e incisiva opera di contrasto serva se non a recuperare la refurtiva, almeno ad impedire il ripetersi di simili episodi che danneggiano tutto il tessuto sociale del paese.

m.g.

È SUCCESSO OGGI...