Roma e la segnaletica stradale low cost

0
Roma e la segnaletica stradale low cost

ARTICOLI IN EVIDENZA

Umberto Croppi già assessore alla cultura con la prima giunta Alemanno, il primo di febbraio aveva pubblicato la foto delle strisce che stavano rifacendo a piazza Esedra, avvertendo che sarebbero durate pochi giorni. È passato un mese e mezzo esatto, questa è la situazione che si evince dalle foto sottostanti.

strade, strisce, manutenzione stradale

IL NOTO PROBLEMA DELLA MANUNTEZIONE STRADALE

Cinque anni fa questa testata aveva lanciato una campagna di denuncia sullo stato della segnaletica stradale che dovrebbe essere il fiore all’occhiello di ogni Amministrazione comunale, tanto più per quella capitolina che si trovava e si trova ancora a gestire una situazione disastrosa fra buche, strade sconnesse, segnaletica inesistente e chi più ne ha più ne metta. È noto che sulla manutenzione stradale ballano milioni che sino a qualche tempo fa venivano affidati alle imprese con trattativa negoziata sino a un milione di euro e affidamento diretto ed esclusivo per la segnaletica. Prassi peraltro denunciata come illegittima dalla recente relazione di Cantone dell’Autorità anticorruzione. Allora i lavori rientravano nelle competenze del XII dipartimento a capo del quale si sono succedute amministrazioni e assessori senza che la situazione (ma vorremmo venir smentiti) sia gran che cambiata. Ovviamente anche i nostri articoli erano corredati da foto non molto dissimili da quelle pubblicate da Croppi su Facebook. Allora fu l’assessore i persona a difendere il suo operato, ma non pare che da quel lontano giugno del 2011 le cose siano molto cambiate.

LA QUESTIONE VERNICI

Il problema principale sta nelle vernici usate sulle quali, ci spiegava un esperto di una nota casa produttrice tedesca, le ditte appaltatrici tendono a risparmiare. Non è quindi possibile che a distanza di un mese si arrivi a questi risultati. Sorge allora un problema serio di controlli e di successive ammende per chi ha preteso di svolgere i lavori al risparmio senza tener conto delle esigenze di sicurezza per i pedoni e di decoro per la città.

 

Balthazar

È SUCCESSO OGGI...