Lazio Ambiente, Sanna alza i toni e chiede chiarimenti

0
Lazio Ambiente, Sanna alza i toni e chiede chiarimenti

ARTICOLI IN EVIDENZA

Torna la crisi nera a Lazio Ambiente, la società per la gestione dei rifiuti che ha rilevato Gaia di Colleferro. E così dopo il nuovo stato di agitazione in azienda, il sindaco della città, Pierluigi Sanna, alza i toni e in una lettera, che riportiamo qui di seguito, si appella a tutti gli amministratori del territorio.

 

LA LETTERA «Esprimo la mia più grande preoccupazione per la situazione economica in cui verte la società regionale Lazio Ambiente Spa.

E’ ridicolo e avvilente ritrovarsi a combattere contro questo stato di cose che da tempo è sotto gli occhi di tutti. La città di Colleferro, già gravata da anni dalla presenza della discarica e degli inceneritori, oggi si trova di fronte ad una gestione molto critica del servizio di raccolta, smaltimento e pulizia delle strade cittadine. Da molto tempo il servizio mostra delle criticità ed è una situazione che non possiamo più accettare.

E’ arrivato il momento di rendere pubblico il credito che Lazio Ambiente ha nei confronti dei Comuni morosi conoscerne l’entità e quali di questi non hanno ancora provveduto al saldo delle fatture. Chiedo a gran voce un’assemblea pubblica con i Comuni serviti da Lazio Ambiente proprio sotto la sua sede a Colleferro nella quale informare l’opinione pubblica sulla reale esposizione creditoria della società.

L’Amministrazione Sanna, ha dimostrato dal primo giorno del suo insediamento una correttezza estrema nei confronti di Lazio Ambiente e dei lavoratori facendo fronte ai mancati pagamenti dell’Ente per gli anni 2013, 2014 e pagando gran parte del 2015 per un totale di Euro 2.435.971.

Altri Euro 732.000 circa saranno pagati entro dieci giorni lavorativi; sono stati saldati, gli ultimi debiti verso il Consorzio Gaia per circa Euro 350.000.

I cittadini pagano regolarmente la TARI ed è inconcepibile non utilizzarla per pagare il servizio.

Mi aspetto una mobilitazione da parte di tutti i Comuni e una presa di posizione da parte della Regione che deve dare velocemente delle risposte sul futuro della società essendo Lazio Ambiente, una partecipata in “house” della Regione Lazio.

Una società pubblica dovrebbe essere gestita secondo i criteri di efficienza, efficacia ed economicità; nello specifico questo tipo di aziende dovrebbero avviare velocemente un processo di gestione moderna e virtuosa dei rifiuti calata nel contesto socioeconomico ambientale della Valle del Sacco. Non si può attendere il fallimento di una società in silenzio ma occorre trovare alternative di gestione condivise con le popolazioni che abitano il nostro territorio.

La nostra gente, i nostri concittadini, si aspettano e pretendono una svolta totale dal punto di vista della gestione dei rifiuti, serve coraggio, pazienza e progetti nuovi.

Esprimendo la massima solidarietà sia da parte mia che da parte dell’Amministrazione nei confronti dei lavoratori non posso esimermi però, dal dichiarare sin da subito che qualora oltre al mancato pagamento degli stipendi si dovessero verificare interruzioni del servizio pubblico la nostra reazione sarebbe totale unendo a tutte le azioni legali possibili anche il più ampio sostegno a qualsivoglia legittima manifestazione spontanea od organizzata che dovesse nascere in qualunque luogo, in qualunque modo tra la popolazione».

È SUCCESSO OGGI...

Roma – Tiburtina. 92enne incastrato nei pressi del deviatoio degli scambi tra i binari

0
Gli Agenti della Polizia di Stato – Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio,  durante il servizio presso lo scalo di Roma Tiburtina, durante il consueto servizio di vigilanza, sono stati attirati dalla...

Magliana, roghi al campo rom: momenti di tensione

0
Incendio oggi alle 16 nell'area boschiva alle spalle del campo nomadi Candoni, a Roma. Le fiamme sono divampate anche all'interno del campo, coinvolgendo alcuni moduli abitativi vuoti. Secondo quanto si apprende, non...

Ciampino, furti di bici in stazione

0
6851 persone identificate, 4 arrestate, 11 denunciate in stato di libertà, 476 lepattuglie impegnate in stazione,  15 le contravvenzioni amministrative elevate, di cui 6  al regolamento di Polizia Ferroviaria,  6 le misure...

Roma, richiede finanziamento elettrodomestici con documenti falsi: arrestato

0
Una carta di Identità con altre generalità e la sua fotografia, un codice fiscale e una busta paga contraffatte erano le “armi” che un 30enne di Napoli, disoccupato e con precedenti, ha...

Al via lavori riqualificazione mercato Macaluso

0
"Siamo intervenuti al mercato Macaluso, sorto negli anni '60 in zona Marconi, nel Municipio XI. Questo mercato, originariamente giornaliero con banchi mobili, si e' trasformato nel tempo in un mercato fisso. Ora...