Il tesoro della camorra a Ladispoli e Cerveteri: sequestri per 100 milioni

0
Il tesoro della camorra a Ladispoli e Cerveteri: sequestri per 100 milioni

ARTICOLI IN EVIDENZA

Dalle prime ore di questa mattina il Centro Operativo D.I.A. di Roma, con il supporto dei Carabinieri di Ostia e Olbia, sta eseguendo, sul territorio di Ladispoli (RM), Civitavecchia (RM), Cerveteri (RM), Santa Teresa di Gallura (SS) e Olbia (SS), un decreto di sequestro di beni emesso dal Presidente della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Roma, dr. Guglielmo Muntoni, nonché dai Giudici dr.ssa Franca Amadori e dr. Marco Patarnello, su richiesta del Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, nei confronti di 5 personaggi di fama criminale”, responsabili di aver costituito un articolato sistema di usura e gioco d’azzardo anche in danno di cittadini in stato di bisogno ed imprenditori esposti economicamente, traendo proventi illeciti da investire nell’acquisizionedi beni. 

Il valore del patrimonio sottoposto a sequestro ammonta a oltre 100 milioni di euro.

 

LE REAZIONI – “I sequestri di oggi confermano la pericolosità della presenza strutturata della camorra nel territorio litorale a nord di Roma e di come questa strozza i nostri cittadini tra usura e investimenti con proventi illeciti. Dobbiamo assolutamente alzare il tiro nel contrasto a questi fenomeni!”. Lo affermano in una nota Benedetto Paris e Silvia Marongiu del Forum della Legalità del Pd Provincia di Roma. “Nel 2011 la DIA romana aveva avvisato già dei traffici di droga tra Ladispoli e Napoli, così come gli arresti dello scorso giugno avevano fatto emergere la presenza del Clan Giuliano ed il controllo del gioco d’azzardo e la sua attività d’usura nel territorio – ricorda Paris Responsabile per le Politiche sulla legalità del Partito Democratico della Provincia di Roma– I fatti di oggi rafforzano questo quadro a tinte fosche e fanno emergere anche gli importanti investimenti economici ed immobiliari fatti dalla camorra con i profitti di questo dissanguamento delle nostre comunità. Con tutte le istituzioni, a partire dalla neo insediata commissione regionale antimafia, dobbiamo squarciare il velo di pressappochismo che spesso non permette di aggredire questo vero e proprio male della nostra società! Non è solo allarme per la presenza di alcuni referenti del Clan Giuliano residenti nella nostra città – sottolinea Marongiu – le notizie di oggi della DIA mettono in evidenza la pericolosità sociale della rete di usura, radicata e ramificata che coinvolge anche il nostro territorio a danno dei cittadini e degli imprenditori locali!”.

È SUCCESSO OGGI...

Roma, stretta carabinieri zone movida: chiusi 10 esercizi

0
'Stretta' dei carabinieri nell'ultima settimana nelle zone della movida romana con l'obiettivo di contenere la diffusione del coronavirus: 5000 interventi, 2500 persone identificate, 150 esercizi controllati, 10 locali chiusi, tra cui uno,...
autobus atac

ATAC: AL VIA RICHIESTE AGEVOLAZIONI ABBONAMENTI UNDER 16

0
"Partono le agevolazioni per gli under 16:a partire dall'1 agosto gli studenti potranno usufruire di uno sconto per l'acquisto dell'abbonamento annuale del trasporto pubblico locale. Grazie ai finanziamenti di Roma Capitale la...

Approfitta della prova della palestra per rubare negli spogliatoi

0
Ha approfittato di una seduta di prova in palestra per poter fare, indisturbato, razzia negli spogliatoi.Qualcosa pero' e' andato storto perche', una volta sorpreso, e' stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Roma...

Minaccia di lanciarsi nel Tevere da Ponte Vittorio

0
Ha minacciato di gettarsi nelle acque delTevere, ma e' stato convinto a rinunciare dai soccorritori.Attimi di tensione questa mattina alle 9.40 circa, su PonteVittorio Emanuele II, in pieno centro a Roma, dove...

SANITA’. LEONORI: PRESENTATA NEL LAZIO LEGGE PER SICUREZZA TATUAGGI

0
"Dopo mesi di incontri e approfondimenti, questa settimana abbiamo formalizzato la presentazione della proposta di legge per le 'Disposizioni relative alle attivita' di tatuaggio e piercing'. Il tatuaggio spesso viene visto solo...