Città metropolitana, anche l’Anci chiede interventi normativi più incisivi

0
Città metropolitana, anche l’Anci chiede interventi normativi più incisivi

ARTICOLI IN EVIDENZA

La città metropolitana torna al centro delle parole del presidente dell’Anci Piero Fassino che nel corso del suo intervento al Consiglio Nazionale tenutosi ieri in Campidoglio ha spezzato una lancia a favore del pieno funzionamento dei nuovi enti di area vasta legati alle grandi città. “Chiediamo al Governo di adottare quelle norme per completare l’implementazione della legge 56 sulle città metropolitane e sulle Province di secondo grado – ha detto il rappresentante dei sindaci d’Italia – Perchè possano decollare queste richiedono ancora interventi normativi”.

La città metropolitana di Roma è una di quelle che di più aspetta un intervento deciso da parte del governo, ma non solo. Anche la Regione Lazio è uno degli interlocutori importanti per Palazzo Valentini: dalla Pisana si attende ancora il varo della legge che dispone con precisione fondi e competenze. Appena dieci giorni fa, nel primo Consiglio metropolitano del 2016, era stato il vicesindaco Mauro Alessandri a lanciare nuovamente l’allarme ricordando le condizioni in cui versa l’ente: “Quello delle risorse è un tema che hanno tutti gli enti locali, anche se le politiche del governo mi sembrano in questo senso più incisive, mature e chiare degli anni passati, ma che ci consegna per la Città metropolitana di Roma Capitale un quadro di non certezza”.

E sul quadro delle regole ha ricordato: “Abbiamo la necessità di una legge regionale di riordino che faccia chiarezza sulle nostre competenze, c’è una delibera di giunta regionale in questo senso che risale all’estate, e aspettiamo ora la legge del consiglio regionale perchè per noi è vitale. Allo stesso tempo una legge di bilancio che però ci dà termini precisi rispetto alle cose di cui dobbiamo occuparci in attesa che questa legge venga costruita e promulgata”.

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...