Valmontone, 1 milione e 200mila euro per il restauro di Palazzo Doria Pamphilj

0
Valmontone, 1 milione e 200mila euro per il restauro di Palazzo Doria Pamphilj

ARTICOLI IN EVIDENZA

Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha stanziato un milione e duecentomila euro per la riqualificazione del patrimonio artistico/culturale di Valmontone. Lo stanziamento è contenuto nel programma triennale degli investimenti per il patrimonio 2016/2018, che contiene 241 interventi in tutta Italiaper un importo di trecento milioni di euro. 

 

Per il Lazio, previsti 68,5 milioni di euro per 59 progetti, fra cui il restauro del prospetto di Palazzo Doria Pamphilj, finanziato con € 500.000,00, ed il restauro della cupola della Collegiata dell’Assunta (finanziato con € 700.000,00), opera di Mattia De Rossi, allievo del Bernini. 

 

«Una bella notizia e un risultato straordinario – ha commentato il Sindaco di Valmontone Alberto Latini – frutto di oltre due anni e mezzo di lavoro svolto da questa amministrazione in stretto raccordo con il Ministero dei beni, delle attività culturali e turismo e la Sovrintendenza alle Belle Arti e Paesaggio per le province di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo. Per questo desidero ringraziare, oltre al ministro Franceschini, anche il sovrintendente Agostino Bureca e l’onorevole Francesca Barracciu, già sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, per la loro preziosa collaborazione. Palazzo Doria e la Collegiata dell’Assunta sono i nostri monumenti più importanti, i nostri fiori all’occhiello. La rinascita di Valmontone non può che passare dal completo recupero e dalla valorizzazione di questi importanti monumenti».

 

Gli investimenti in arrivo dal Ministero si aggiungono all’altro importante intervento che interessa Palazzo Doria Pamphilj e la Collegiata annunciato dal Sindaco. Entro fine mese, infatti, la Città metropolitana di Roma Capitale affiderà i lavori per il completamento della strada che costeggerà i due monumenti, collegando Via Nuova con via Cardinale Oreste Giorgi. «L’ennesima opera pubblica rimasta abbandonata per anni – ha aggiunto il Sindaco – che oggi noi ci apprestiamo a portare a compimento».

È SUCCESSO OGGI...