Regione, accorpamento Asl: salta la Commissione sanità. Ma da gennaio si cambia

0
Regione, accorpamento Asl: salta la Commissione sanità. Ma da gennaio si cambia

ARTICOLI IN EVIDENZA

E’ saltata la Commissione sanità per discutere la proposta di accorpamento delle Asl. La Giunta aveva anche predisposto la relazione di accompagno che mancava nell’ultima riunione e motivo in base al quale le opposizioni avevano chiesto e ottenuto il rinvio, ma inutilmente. Al Consiglio il tema non interessa più, la maggioranza abdica e pure i consiglieri  Pd.  Sugli accorpamenti delle Asl, a cominciare da quello della B con la C, la Giunta farà a modo suo. L’abdicazione è stata motivata dal fatto che ormai si sta discutendo il bilancio e non ci sarebbe tempo utile per affrontare l’argomento. Ma questo si sapeva anche tre giorni fa, dunque c’è chi afferma che si tratti di una scusa o peggio di una fuga. Comunque una affermazione di marginalità perche il mondo procede anche senza il parere dei consiglieri regionali.
“Dal 1 gennaio – come scrive l’agenzia Dire – le Asl romane cambieranno volto, con o senza una proposta di legge regionale”. La relazione della Giunta che spiega i risultati economici e organizzativi attesi dalla risoluzione delle Asl su Roma ed in particolare dall’accorpamento della B con la C preparata per la Commissione e non utilizzata, dice che il risparmio è stimato in 36,5 milioni di euro. Dieci milioni saranno risparmiati omogeneizzando il trattamento economico del personale che per le due Asl è pari a 5.914 unità di personale. La spesa per il personale nel 2014 è stata di oltre 337 milioni. L’unificazione favorirà i percorsi di mobilità ad oggi di fatto bloccati. 20 milioni invece sono i risparmi attesi  dalla razionalizzazione dell’acquisto e delle gare relative ai  beni e servizi e applicando ai contratti in essere le riduzioni  secondo le indicazioni contenute nella legge di stabilità 2015; 3 milioni di minori spese invece sono attesi dalla riduzione delle consulenze, e altri 3,5 milioni dalla riduzione dei canoni di locazione in essere. Oggi le due aziende utilizzano 49 immobili in affitto che costano ogni anno circa 7 milioni di euro.  “Entro il 2015 – si legge nella relazione – scadranno 13 contratti sui 49 esistenti (pari a circa il 27%)”. La Asl dove maggiore sarà il taglio è quella della Roma B (Tiburtina Montesacro) che ha un tasso di locazione passiva pari al 52% del totale, la Asl RmC invece si ferma solo a poco più di un terzo e cioè al 34,4%. Entrambe utilizzano sedi piccole e/o piccolissime (<300mq) per circa il 50% del totale. Entrambe le aziende presentano su una serie di indicatori (sedi e titolo di godimento, dimensioni sedi, capacità d’uso) un valore peggiore rispetto alle media regionale (6 vs 4,5).  La mega Asl che deriverà dalla fusione della B con la C, la piu grande d’Italia, conterà su di 3.523 posti letto, il 25% del totale della Città di Roma. Nel suo territorio i residenti saranno un milione e 300mila, poco meno della metà degli abitanti della Capitale. L’accorpamento delle due Asl prevede la gestione di 1.251 medici (1.062 MMG e 189 PLS) la medicina di base nel 2014 è costata 130 milioni. Complessivamente il bilancio della Mega Asl  nel 2014 è stato di 2 miliardi e 300milioni di euro.

[form_mailup5q lista=”regione lazio”]

È SUCCESSO OGGI...