Termini, sgomberate le 260 famiglie del palazzo Ex Misfra

0
Termini, sgomberate le 260 famiglie del palazzo Ex Misfra

ARTICOLI IN EVIDENZA

A pochi giorni dal blitz al centro Baobab di via Cupa, nuovi controlli di polizia a Roma nei centri dove vivono i migranti.  Da questa mattina alle 6 sono in corso le identificazioni al palazzo ex Misfra, occupato dai profughi del Corno d’Africa di piazza Indipendenza.

Sette i blindati hanno sbarrato da entrambi i lati l’accesso a via Curtatone, dove si trova l’ingresso del palazzo. Secondo quanto affermano gli attivisti dei movimenti per il diritto all’abitare di Roma, all’interno vivono dal 2013 circa 260 nuclei familiari.

“L’occupazione nacque all’indomani della strage di Lampedusa, nell’ambito dello “tsunami tour” – afferma Cristiano Armati, uno dei rappresentanti del movimento – mentre tutti si riempivano la bocca di parole e manifestavano solidarietà per i morti del 3 ottobre, abbiamo cercato di fare qualcosa di concreto. Si tratta di migranti, non solo eritrei ma provenienti da tutto il Corno d’Africa, che si sono uniti sulla base del bisogno, vittime da una parte del non rispetto della Convenzione di Ginevra da parte dell’Italia e dall’altra del regolamento Dublino.

In quei giorni anche il Cara di Castelnuovo di Porto era allagato e quindi si sono stabiliti qui, dove vivono da alcuni anni stabilmente con le loro famiglie”. Il blitz è ancora in corso. (redattoresociale.it)

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...