Ama licenzia 37 dipendenti per Parentopoli

0
Ama licenzia 37 dipendenti per Parentopoli

ARTICOLI IN EVIDENZA

La decisione era stata già assunta prima del dimissionamento di Ignazio Marino, ma oggi è divenuta definitiva. Così Ama ha licenziato tutti i dipendenti assunti a chiamata diretta nel 2008, all’inizio dell’amministrazione Alemanno e della gestione Panzironi della municipalizzata. Conseguenza diretta di quella che fu ribattezzata “Parentopoli” nell’inchiesta avviata dalla procura di Roma nel 2011 e arrivata a sentenza recentemente.

Si tratta di 34 dipendenti sui 41 coinvolti di cui 7 si sono già dimessi dall’azienda. Tutti amministrativi, funzionari e quadri più 4 autisti. Tra i licenziati ci sono Stefano Andrini già ad di Ama Servizi Ambientali, Armando Appetito, genero dell’ex ad Franco Panzironi, Ilaria Marinelli, figlia dell’ex capo scorta di Alemanno, e Fabrizio Mericone, ex responsabile della Sicurezza/Vigilanza della direzione Cimiteri capitolini.

DETTAGLI – Un comunicato del consiglio di amministrazione di Ama precisa «di aver ha dato mandato al direttore generale dell’azienda di procedere al licenziamento dei dipendenti amministrativi assunti nel 2008 a chiamata diretta tuttora in organico per la cui assunzione il Tribunale di Roma ha espresso sentenza penale di condanna di primo grado nei confronti dell’amministratore delegato del tempo (Franco Panzironi) e di alcuni ex dirigenti». Il Cda, a fine settembre aveva potuto leggere le motivazioni della sentenza rese pubbliche dal Tribunale, dalle quali era emersa «l’illegittimità delle assunzioni, che avrebbero fatto conseguire “un ingiusto vantaggio patrimoniale” ai soggetti assunti». Il cda aveva ritenuto tali motivazioni rigorose e inappuntabili, tuttavia l’azienda ha preferito «muoversi con grande cautela e nel solco del diritto». Così prima di procedere in un senso o nell’altro, ha contestato ai singoli lavoratori le modalità della loro assunzione «avviando procedimenti disciplinari ad hoc, dando a ciascuno la possibilità di rispondere per iscritto alle contestazioni mosse e accogliendo le ulteriori osservazioni di difesa in audizione assistita a coloro che ne hanno fatto richiesta». Ma «sulla base di tutti i riscontri e delle accurate verifiche l”azienda, supportata anche da un docente esperto in diritto del lavoro, ha deliberato il provvedimento finale di licenziamento».

AUTISTI – Diverso l’esito delle analoghe verifiche attuate sulle posizioni degli autisti assunti, conclude la nota, sempre in quel frangente del 2008 e citati nella medesima sentenza penale. Dei 23 autisti di allora erano rimasti tuttora dipendenti Ama 17: di questi, 13 hanno chiarito pienamente la propria posizione, con assunzioni che l”azienda ha appurato essere legittime, mentre ai restanti 4 sono state inviate le lettere di licenziamento.

[form_mailup5q lista=”campidoglio”]

È SUCCESSO OGGI...