Rai, Teche online: il vero servizio pubblico. Materiale storico a portata di clic

0
Rai, Teche online: il vero servizio pubblico. Materiale storico a portata di clic

ARTICOLI IN EVIDENZA

(Tutti hanno un segreto. Perdonatemi se uso questo strumento pubblico, ma oggi vi devo svelare il mio.)

Sono un’inguaribile, irrimediabile, insopprimibile passatista.

D’accordo, non è un segreto, è una conferma; si era capito da quei continui rimandi alla tv in bianco e nero, al buongusto, a certi frequenti amarcord. E vi capisco, se non ve ne frega niente. Ebbene, la rivelazione è che in realtà non ho cento anni, quindi la mia nostalgia è la peggiore, quella delle cose mai vissute. La televisione di mia zia, gigantesca, in una “elegante” scatola color mogano, che troneggiava nel lucidissimo salotto anni ‘70 è stata la pietra dello scandalo. Ben più di un elettrodomestico, ha assicurato a me, bambina malaticcia e secchiona una compagnia costante, forse inadatta all’età, ma senz’altro molto stimolante.

Neanche dopo, quando le tv private hanno consentito a noi fanciulli dell’epoca di fare il pieno di cartoni giapponesi – la mitica Quinta rete, progenitrice di Italia Uno, con una Marta Flavi agli esordi – ho ceduto. Sono sempre stata fedele alla Rai, ai film degli anni ’30 con Mirna Loy e Baden Powell il sabato dopo pranzo e Fred Astaire e le Simpatiche Canaglie. Per forza che poi mi  piace l’art déco. All’epoca di vecchio si vedevano soprattutto i film; col passare del tempo però molti pezzi di gloriosa tv sono riemersi in pillole… un po’ aveva provveduto Blog.

Nelle ultime estati il plauso va a Techetechetè, che attingendo alla sterminata memoria storica della (ex) Tv di Stato ha riportato nelle case degli italiani, giusto prima di cena, volti, note e pettinature ormai condannati all’oblio. Canzoncine d’epoca, il maestro Lombardi, StudioUno insomma quella costellazione di voci e immagini che hanno fatto l’Italia ben più di Cavour e Garibaldi. In un mondo iperveloce e con un’attenzione frammentata, è bello ripensare o anche solo immaginare “com’era” ai tempi della lentezza. Sempre a fare di questi discorsi, poi un caro amico mi butta là: ma le hai mai consultate le teche Rai? Gli ho risposto che se entrassi a Viale Mazzini o a Saxa Rubra resterei fulminata.

Ma no, dicevo online. Online?? Momenti muoio.  Scoprire che c’è tantissimo materiale storico Rai (http://www.teche.rai.it) a disposizione in rete è stato veramente eccitante, come entrare in un negozio di Chanel di notte o spiare il cellulare del fidanzato. No, meglio, meno rischioso e molto più appagante. Intanto il sito ti accoglie con una tristissima e meravigliosa schermata in bianco e nero. Poi una divisione dei contenuti di facile comprensione, una lista dei personaggi che inizia con Abbe Lane e finisce con Zlatan Ibrahimovic e Zucchero. 75 milioni di documenti indicizzati che riguardano tv, radio, fotografie, copioni… una droga per ogni topo di videoteca che si rispetti . E un ausilio utilissimo per studenti e studiosi non solo di tv in quanto medium ma anche di teatro, letteratura, storia.

Io mi sono divertita a rivedere Alfred Hitchcock e la sua inconfondibile sagoma, già antica quando l’ho vista per la prima volta. Capisco anche che Montale che legge “Meriggiare pallido e assorto” non sia un cult quanto Totò che recita la livella…e che Alberto Burri non attiri quanto Alberto Sordi. Comunque vi invito a cercare nell’archivio qualcosa che riguardi il vostro personaggio del cuore. Dite che c’è sempre Youtube? A parte che non è detto che vi si trovino tutte le chicche disponibili qui, vuoi mettere con “teche Rai”? Solo a dirlo già sento un profumo di polvere, di casalingo e rassicurante… Sarei curiosa di sapere quale sarà la prima ricerca che farete, questa è la mia: http://www.teche.rai.it/2013/07/franca-valeri-in-sabato-sera-del-1967/

[form_mailup5q lista=”maledetta tv”]

È SUCCESSO OGGI...

S.Egidio, primo arrivo corridoi umanitari dopo lockdown

0
Dopo aver vissuto lunghi mesi di attesa, dovuti alla crisi da coronavirus, giunge in Italia l'ultimo gruppo di profughi che Papa Francesco ha voluto portare in salvezza attraverso l'Elemosineria Apostolica e la...

Stadio Roma, delibera in aula dopo l’estate

0
Sul nuovo stadio della Roma "stiamo andando avanti: a breve la delibera arrivera' in giunta. Agiorni? Si', compatibilmente con gli atti che sono in lavorazione nei vari uffici. Poi passera' in Assemblea...

Campidoglio, raddoppiano le donne seguite dai Centri Antiviolenza di Roma Capitale

0
Raddoppiano le donne seguite dai Centri Antiviolenza di Roma Capitale: sono 691 le donne in carico alle strutture capitoline a giugno 2020, +100% rispetto all’anno precedente (346 a giugno 2019).   “Questo è un importante segnale:...

Processo d’appello per i due balordi che hanno paralizzato il giovane nuotatore Bortuzzo

0
Il 3 febbraio 2019 con un colpo di pistola due balordi sparano al  ventenne nuotatore Manuel Bortuzzo paralizzandolo su una sedia a rotelle. Oggi la Procura generale ha chiesto la conferma in appello della...

RAGGI: ‘STRADE NUOVE’, ECCO VIA APPIA PIGNATELLI

0
"A Roma continua il programma#StradeNuove. Oggi siamo nella periferia sud est, in via AppiaPignatelli. Si tratta di una delle arterie di traffico checonsente l'ingresso in citta' per migliaia di romani ognimattina. Il...