Incendi all’aeroporto di Fiumicino, la tesi del sabotaggio

0
Incendi all’aeroporto di Fiumicino, la tesi del sabotaggio
Foto archivio

ARTICOLI IN EVIDENZA

«Due incendi in tre mesi hanno messo ko l’aeroporto di Fiumicino. Per Adoc ci sono troppe coincidenze particolari che fanno pensare a un eventuale sabotaggio del principale hub italiano». Così una nota di Adoc. «C’è fin troppa ‘puzza di bruciatò all’aeroporto di Fiumicino – dichiara Lamberto Santini, presidente dell’Adoc – è al limite del sospetto che, nell’arco di tre mesi, si siano scatenati due incendi presso l’area della struttura, paralizzando quasi completamente il traffico aereo, causando gravissimi disagi agli utenti e consumatori, al settore turistico e all’intero Paese. Ci auguriamo che vengano al più presto individuate le cause e le eventuali responsabilità di quanto sta accadendo allo scalo romano, e che vengano adottate tutte le soluzioni necessarie per garantire al 100% la sicurezza di lavoratori e utenti e la piena operatività della struttura».

LA QUERELLE TRA ALITALIA E ADR – L’Adoc «interviene inoltre sulla querelle tra Alitalia e Adr, ribadendo la presenza di investimenti già programmati dalla società che gestisce gli aeroporti romani». «Non comprendiamo la polemica sollevata da Alitalia sulla mancanza di investimenti da parte di Adr – continua Santini – gli investimenti nelle strutture aeroportuali sono stati programmati e schedulati. Inoltre, sulla presenza di compagnie low cost presso Fiumicino, come rappresentanti dei consumatori siamo favorevolissimi alla presenza di una maggiore concorrenza, a tutto vantaggio degli utenti e dello sviluppo del mercato e del turismo».

È SUCCESSO OGGI...