Piano Esodo Estivo 2015 diffuso da “Viabilità Italia” nel decennio di attività

0

Tra i diversi obiettivi del CEREMSS Centro Regionale di Monitoraggio della Sicurezza Stradale del Lazio, vi è quello di promuovere una maggiore diffusione della cultura della Sicurezza Stradale a tutti i livelli: dagli operatori agli utilizzatori di infrastrutture e veicoli.

logo_CEREMS_def_2Uno dei propositi è di mantenere viva l’informazione non solo attraverso una piattaforma comune di dati, analisi ed approfondimenti sulle problematiche più rilevanti di questa materia per Istituzioni ed Enti del proprio territorio, tecnici ed esperti del settore, ma anche a guidatori di qualsiasi tipo di mezzo: automobilisti, autotrasportatori, motociclisti, ciclisti, utenti della strada e cittadini in genere quali pedoni, anziani, bambini e associazioni.

Il presupposto che l’efficienza delle strade contribuisca alla diminuzione degli incidenti sta consolidando, in tutta la sua fisionomia e in modo stabile, la necessità di portare avanti il miglioramento dei servizi di prevenzione dell’incidentalità stradale. Positivi risultati sono anche conseguenza di nuove regole nel quadro normativo che governa la Sicurezza Stradale.

In vista degli spostamenti verso le località turistiche, anche di transito da e verso altri Paesi, ove trascorrere le vacanze estive, l’attenzione al traffico diventa centrale per la sicurezza delle strade del Lazio e di tutto il territorio nazionale. In tal senso si segnala la conferenza stampa del 22 luglio, promossa da “Viabilità Italia” per presentare il Piano dei Servizi ed il Calendario del Traffico per l’esodo estivo 2015 sulla viabilità Italia, cioè l’insieme delle misure informative ed operative a garanzia della sicurezza degli spostamenti in occasione delle vacanze estive e l’indicazione dei giorni più critici in termini di flussi di traffico sulle strade.

“Viabilità Italia” è una struttura istituita presso il Ministero dell’Interno, presieduta dal direttore del Servizio Polizia Stradale Giuseppe Bisogno, che da circa dieci anni porta avanti un lavoro per fronteggiare situazioni di crisi legate alla viabilità ed adottare opportune strategie di intervento per la Sicurezza Stradale.  Ne fanno parte per il Ministero dell’Interno, rappresentanti del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, rappresentanti del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, del Dipartimento degli Affari Interni e Territoriali, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Dipartimento della Protezione Civile, dell’Arma dei Carabinieri, di ANAS, dell’Associazione italiana società concessionarie autostrade e trafori (AISCAT), delle Ferrovie dello Stato Italiane, della Direzione Generale per la Vigilanza sulle Concessionarie Autostradali (DGVCA), dell’Unione delle province italiane (UPI) e dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI). Viabilità Italia ha garantito la fluidità e la sicurezza della mobilità, attraverso strategie ed interventi operativi in occasione delle emergenze causate da avversità atmosferiche, grandi esodi e gravi incidenti, mediante un’azione di sistema di attori diversi, sia pubblici che privati, della Sicurezza Stradale. Dal 2005 al 2015 sono stati diramati 587 comunicati stampa e 25 Piani, mentre sono state 85 le riunioni di pianificazione e 171 le riunioni per la gestione della viabilità in occasione di emergenze e per il monitoraggio del traffico durante la stagione estiva ed invernale, per un totale di 278 giorni.

Il calendario dell’esodo estivo, presentato in occasione dell’incontro, contiene le previsioni delle giornate di maggior traffico veicolare. Quest’anno è contrassegnata con il “bollino nero” la mattina di sabato 8 agosto, giornata in cui è prevista la più alta concentrazione delle partenze. Gli spostamenti si preannunciano comunque intensi anche in tutti gli altri weekend del mese di agosto, sia per raggiungere le località turistiche sia per i successivi rientri in città. Il piano contiene informazioni relative alle direttrici a rilevanza nazionale maggiormente interessate dal traffico turistico e gli itinerari alternativi alla viabilità autostradale. Tutte le misure di coordinato intervento saranno rese evidenti, compreso l’elenco dei cantieri inamovibili su autostrade e strade extraurbane principali, attraverso l’indicazione delle misure informative e di assistenza per gli utenti in viaggio, insieme all’offerta per chi si muove in treno ed i servizi della Polizia Ferroviaria.

gra-caos-code.jpgNello sforzo collettivo di ridurre l’incidentalità l’estate sarà caratterizzata da una complessiva riduzione dei cantieri inamovibili, infatti dai 186 dell’anno scorso il numero del lavori sulle strade statali è ridotto a soli 162 e nessuno di questi è sul territorio del Lazio. ANAS ha predisposto una Sala Operativa Nazionale che sarà in funzione h24 e 20 sale Operative Compartimentali, 2.500 addetti in turnazione per la sorveglianza, il pronto intervento, l’assistenza clienti, il coordinamento delle attività tecniche e di gestione e la comunicazione. Inoltre 1.070 automezzi, 1.800 telecamere e 300 pannelli a messaggio variabile. Tutto ciò, insieme agli altri fattori di innovazione evidenziano che il momento dell’esodo è un momento importante, preceduto da mesi di lavoro e studio per affrontarlo nel modo più efficiente possibile. Per quanto riguarda la circolazione in particolare in autostrada, l’innovazione tecnologica più evidente e con maggiori risultati visibili è l’introduzione del Tutor, una soluzione che costituisce il sistema più accettato dai guidatori nella percezione della correttezza. Il sistema della viabilità dell’estate 2015 è organizzato in modo che l’attività dei cantieri da nord a sud, compresa la situazione all’interno del territorio del Lazio sia compatibile con la capacità di deflusso delle autostrade. L’invenzione del bollino nero risale al 2006 e a distanza di anni i dati confermano che rende i giorni critici meno impattanti e con meno problemi di ordine pubblico. Per l’informazione durante il viaggio dal 22 luglio Autostrade per l’Italia ha anche messo a disposizione una novità: un’APP, scaricabile gratis che copre 60 mila chilometri di rete stradale e di arterie cittadine, basata su 2 milioni di sensori. La modalità “seguimi” consente di ricevere informazioni sul percorso riguardanti l’offerta dei prodotti locali, l’offerta turistica e i punti Wi Fi del territorio oltre alle stazioni di servizio. Questo strumento si sta rivelando utile soprattutto nel tragitto verso il lavoro. Si ritiene, tuttavia, importante sottolineare che le APP non vanno mai usate mentre si guida ma a veicolo fermo, infatti le recenti statistiche indicano che il 30% degli incidenti sono dovuti alla distrazione da apparati tecnologici. Anche l’AISCAT Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori nel piano di gestione dell’Esodo estivo ha predisposto il monitoraggio h24 delle condizioni di viabilità e specifici protocolli operativi con le diverse concessionarie autostradali, una rete di 36 Centri di Controlli del Traffico sempre operativi, 5.920 telecamere lungo la Rete, 7.735 colonnine SOS e 2.124 Addetti alla Mobilità. La gestione della mobilità viene realizzata anche attraverso la rimozione di tutti i cantieri non permanenti e la massimizzazione della fluidità ai caselli autostradali. L’informazione e l’assistenza all’utenza è garantita attraverso una capillare e tempestiva informazione lungo la rete con i 2.750 pannelli a messaggio variabile, i Call Center Viabilità e numeri dedicati, il Web, la Radio e gli Infopoint multimediali. I Reparti di volo della Polizia di Stato garantiranno la vigilanza regionale oltre che nel Lazio anche nelle Regioni Lombardia, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Abruzzo, Campania, Molise, Puglia, Calabria e Sicilia Occidentale. I Nuclei Elicotteri dell’Arma dei Carabinieri oltre che nel Lazio vigileranno su Lombardia, Toscana, Campania, Calabria, Sicilia Occidentale e Sardegna. Per quanto riguarda i presidi sanitari, per l’Esodo estivo 2015 nelle giornate del 31 luglio e del 1 agosto, presso alcune Aree di servizio saranno presenti Presidi sanitari paramedici con presenza di ambulanza oltre a servizi di assistenza con personale dedicato. Infine l’informazione per gli utenti in viaggio prevede collegamenti su ISORADIO (FM 103,5) durante le riunioni di “Viabilità Italia” per aggiornamenti in diretta sulla situazione del traffico, Spazi di Infomobilità On The Road in cui riferire situazioni traffico aggiornate dagli inviati Rai Isoradio a bordo delle pattuglie della Polizia Stradale, l’apertura della diretta di Isoradio nelle notti di maggior traffico e il prolungamento fino alle 02:00 per tutti gli altri giorni, ove sussistano situazioni  di emergenza, collegamenti straordinari con i Telegiornali nazionali e regionali nei giorni di esodo e controesodo. Inoltre, interventi all’interno di “Onda Verde” con messaggi di Sicurezza Stradale, possibilità di intervenire nei Giornali Radio RAI in caso di emergenza, collegamenti televisivi mirati alle anticipazioni del traffico ed alla sicurezza per chi viaggia. Anche la Polizia Ferroviaria per l’Estate 2015 ha previsto un notevole impegno di comunicazione. In occasione delle partenze estive la Polizia Ferroviaria e le Ferrovie dello Stato Italiane hanno rilanciato la campagna “Stai attento! Fai la differenza”, alla sua seconda edizione, per richiamare l’attenzione dell’utenza ferroviaria sui comportamenti maggiormente esposti al pericolo di furti o truffe. Inoltre in relazione al prevedibile maggior afflusso di viaggiatori in ambito ferroviario saranno potenziati i servizi di vigilanza sia nelle stazioni che a bordo dei treni per garantire maggior sicurezza negli spostamenti.

Il Ministro dell’Interno On. Angelino Alfano, presente all’evento, ha dichiarato che i risultati della diminuzione dell’incidentalità stradale sono in linea e ben oltre quanto indicato dall’Europa e che il percorso di rinnovamento si svilupperà in tre distinti codici: il Codice delle Infrastrutture Stradali, il Codice dell’Autotrasporto e il Codice di Comportamento Stradale. Le novità che si fanno strada sono: la legge delega, che sta consentendo di rimettere in ordine tutto l’insieme di norme che contribuivano in maniera sparsa, senza organicità, alla materia e l’esistenza di partner privati che sta portando ad un modello di Sicurezza Stradale partecipata. Il monitoraggio della circolazione stradale della Rete Viaria Regionale e delle problematiche infrastrutturali delle strade dei Comuni e Province del Lazio, con le sue finalità e prerogative, si innesta a pieno regime nel contesto del meccanismo virtuoso che è in atto a livello nazionale.

Omicidio stradale, ergastolo della patente, mobilità sostenibile, sono alcune nuove definizioni comparse nel vocabolario comune della Sicurezza Stradale che indicano un nuovo scenario che fa da sfondo ad una nuova educazione civile e civica. Oggi viene utilizzato un nuovo format che colma il vuoto di comunicazione che c’è stato nei decenni precedenti. Sebbene il trend dei dati Istat relativi alla mortalità sulle strade italiane sia in continua diminuzione (siano passati dai 7.096 del 2001 ai 3.330 del 2014), occorre tenere alta l’attenzione all’elemento incidentalità che nell’esodo estivo rimane il «sorvegliato speciale». Il viaggio deve essere intrapreso con un veicolo efficiente e completo nelle dotazioni di sicurezza e occorre porsi alla guida in condizioni fisiche ottimali. L’attenzione da parte dell’uomo è entrare in tema di Sicurezza Stradale: occorre concentrazione alla guida e prudenza, tutela di sé e dei passeggeri con l’uso delle cinture di sicurezza sia nei posti anteriori che posteriori. Difficoltà ed emergenze su strada devono essere risolte nel più breve tempo possibile; le informazioni sul traffico devono essere trasmesse nel modo più rapido possibile e tempestivamente devono giungere assistenza ed aiuto in caso di problemi meccanici o di necessità che dovessero presentarsi durante il viaggio. Anche grazie al Piano esodo di “Viabilità Italia” – alle info sui percorsi alternativi, ai presidi sanitari, ai centri operativi della Stradale che coordinano la rete autostradale – gli automobilisti possono partire in tranquillità. Il viaggio e le vacanze devono essere il meno stressanti e il più sicure possibile ma nel comportamento sulle strade gli italiani devono sempre ricordare che il fattore di sicurezza principale è quello personale.

Redazionale a Pagamento

logo+regione_1

È SUCCESSO OGGI...