Race for the cure, a Roma per sostenere la lotta ai tumori del seno

0
Race for the cure, a Roma per sostenere la lotta ai tumori del seno
race-for-the-cure

ARTICOLI IN EVIDENZA

Dopo il successo dello scorso anno della 15° edizione, con oltre 60mila partecipanti, torna dal 15 al 17 maggio al Circo Massimo l’appuntamento con la “Race for the Cure”, che da anni non è più soltanto una corsa di solidarietà per la lotta ai tumori del seno ma un grande evento in tre giorni ricco di iniziative all’insegna della salute, dello sport e del benessere, realizzato dalla Susan G. Komen Italia.

L’APPUNTAMENTO – Oltre al consueto appuntamento podistico di domenica mattina sull’affascinante percorso tra le meraviglie archeologiche del centro di Roma (corsa di 5km e passeggiata di 2km con partenza dal Circo Massimo), venerdì e sabato ci sarà un ricco programma di attività gratuite per tutta la famiglia. Anche quest’anno madrine dell’evento saranno le attrici Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi, con tanti altri volti noti pronti ad affiancarle per testimoniare il proprio sostegno alla causa.

SALUTE – Il “Villaggio della Salute della Donna” sarà il primo appuntamento che aprirà il lungo weekend della Race al Circo Massimo venerdì 15 maggio. Questa iniziativa, attiva anche sabato 16 maggio e realizzata anche con il contributo di Regione Lazio, Policlinico Gemelli di Roma e Fondazione Johnson&Johnson, è finalizzata alla promozione della salute e del benessere psicologico attraverso l’offerta gratuita di consulenze specialistiche, esami diagnostici, lezioni pratiche e momenti educativi per incoraggiare uno stile di vita sano nel rispetto delle norme di prevenzione primaria e secondaria, dell’attività fisica e sportiva e di una corretta alimentazione. Tutte iniziative gratuite alle quali si potrà partecipare prenotandosi nelle modalità descritte sul sito www.raceroma.it.

ISCRIZIONE – Per iscriversi alla corsa, basta una donazione minima di 15 euro che dà diritto a ricevere – fino ad esaurimento – la tshirt da collezione della manifestazione (in rosa le donne che stanno affrontando o hanno sconfitto il tumore del seno), il pettorale e la borsa gara con gli omaggi delle aziende partner. Anche quest’anno, ampio spazio ai bambini con una grande area ludica e di intrattenimento allestita dal canale tv Cartoonito (partner area bambini). Le donne in rosa con questa testimonianza coraggiosa vogliono sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce e ncoraggiare le altre donne che incontrano la malattia a farlo con un atteggiamento più positivo (lo scorso anno furono oltre 5.000).

DESTINAZIONE DEI FONDI – Con i fondi raccolti dalla Race for the Cure 2015, la Komen Italia darà avvio a nuovi progetti di educazione, prevenzione e cura del tumore del seno, che si andranno ad aggiungere ai 290 già realizzati grazie alle precedenti edizioni di Roma, Bari e Bologna con l’impiego di oltre 2.400.000 euro. Nello specifico, grazie alle tre edizioni dello scorso anno, la Komen Italia ha realizzato in 14 regioni italiane alcuni progetti propri e 44 proposti da altrettante associazioni, incidendo concretamente nel tessuto locale e nazionale.

I DATI – I tumori del seno costituiscono un problema di grande rilevanza sociale che direttamente o indirettamente entra in tutte le case. Rappresentano infatti le neoplasie maligne più frequenti fra le donne di tutte le età e la principale causa di morte nella popolazione femminile oltre i 35 anni.
Anche gli uomini, seppure occasionalmente, possono sviluppare questa malattia (1 caso ogni 100 tumori del seno).

[form_mailup5q] newsletter generale

È SUCCESSO OGGI...