Danza sportiva, c’è la speranza che rientri tra le discipline olimpiche

0
Danza sportiva, c’è la speranza che rientri tra le discipline olimpiche
danza-sportiva-malago-discipline-olimpiche

ARTICOLI IN EVIDENZA

La temporanea chiusura dello scalo romano di Fiumicino non ha fermato la miriade di atleti, arrivati ieri nel salone d’onore del Coni per ricevere dalle mani del presidente federale Christian Zamblera, il premio come Campioni Fids del 2014.

PRESENTI – Tanti purtroppo, gli assenti, compreso il segretario generale del Coni Fabbricini, impossibilitati a raggiungere la capitale, a causa dell’imprevisto. Numerose le personalità del mondo sportivo che hanno voluto essere presenti alla cerimonia per testimoniare la loro stima e fiducia  nell’attuale dirigenza: il presidente del Coni Lazio Riccardo Viola, il membro della giunta Coni Talento e il presidente del Coni Giovanni Malagò.

LA SPERANZA – Malagò ha apertamente parlato della possibilità, per niente remota, che la danza sportiva rientri nelle discipline olimpiche: «I vostri numeri e la forza del vostro movimento parlano chiaro, secondo me finirete nell’orbita delle competizioni olimpiche, è il vostro destino». Un’affermazione che ha catturato subito l’attenzione della sala intera.

Il presidente del Coni ha poi aggiunto: «De Coubertin non avrebbe mai pensato allo snow board come disciplina olimpica, ma l’evoluzione, inevitabile, del mondo dello sport, ci ha abituato a vedere entrare nel novero delle discipline olimpiche sport non proprio tradizionali, che con il tempo hanno conquistato forza e credibilità».

Sul finire del discorso il presidente del Coni ha voluto porre l’accento sul delicato problema del sistema di giudizio, che nelle discipline artistiche come la danza, il pattinaggio e la ritmica, deve essere il più possibile oggettivo, per avvicinare il settore alle richieste del Coni e soprattutto del Cio.

[form_mailup5q] newsletter generale

È SUCCESSO OGGI...