«Assistente capo preso a pugni da un detenuto nel carcere di Velletri»

0
«Assistente capo preso a pugni da un detenuto nel carcere di Velletri»

ARTICOLI IN EVIDENZA

Colpito «alla tempia da un pugno». Questa la denuncia del segretario Regionale CISL FNS, F.to Costantino Massimo che racconta una storia di violenza all’interno del carcere di Velletri.

LA DENUNCIA – «Apprendiamo che oggi (ieri ndr) – racconta il segretario regionale – alle ore 19 è stato aggredito un assistente Capo presso il reparto 4 a del carcere di Velletri con un pugno sulla tempia da parte di un detenuto. Scongiurato il peggio grazie all’intervento di altri detenuti. L’allarme del piano, sembra, che non abbia funzionato – il detenuto marocchino che ha aggredito al volto l’assistente capo della polizia penitenziaria, si trovava alla sezione protetta, l’allarme nonostante tutto non si è attivato, non funzionava il pulsante, il detenuto sembrerebbe che fosse psichiatrico e non doveva stare in una sezione a regime aperta».

IN OSPEDALE – «L’assistente capo da quanto appreso è stato portato all’ospedale per una tac poiché la lesione sarebbe più grave di quanto si pensasse». «Per la Fns CISL – conclude il segretario regionale – occorre far chiarezza al più presto , se confermato che il detenuto era sottoposto ad osservazione psichiatrica , e ribadisce che detenuti del genere devono essere gestiti dal personale sanitario e non cero dalla penitenziaria».

[form_mailup5q lista=”velletri”]

È SUCCESSO OGGI...