Cimiteri, vai a salutare i parenti e ti distruggono la macchina

0

A Prima porta andare a trovare il “caro estinto” può costarti ben di più di qualche mazzo di fiori. Il problema sicurezza e degrado sembra essere diventato altamente grave. E’ diventato difficile parcheggiare la macchina e lasciarla senza che qualcuno non vi armeggi attorno, distruggendo magari un finestrino o manomettendo le serrature per frugare dentro e magari non trovare nulla (come nella maggior parte dei casi).

Ma tanto frequente è diventato questo rischio che i cittadini protestano e scrivono le loro esperienze, come è capitato sul famoso blog di RomaFaSchifo. Oggi una signora che vuole restare anonima ha raccontato la sua storia, fatta di un inizio sereno con madre anziana e figli, e una fine triste con l’auto rovinata dai teppisti. “Insieme con mio marito e 2 bimbe abbiamo accompagnato mia madre che non se la sentiva di andarci da sola. Ma questi non guardano in faccia a nessuno.

Ma piazzare telecamere non solo all’entrata? Arrestare i soliti noti? Fanno i volantini cimiteri sicuri, ma a chi vengono distribuiti?  A noi lo hanno dato dopo il danno e comunque è  assurdo tenere un comportamento di allerta estrema solo per andare a trovare i propri cari defunti! Amareggiata. Ma tanto!” In questo caso è lampante: i costi dell’insicurezza li paga il cittadino di tasca sua.

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...