Roma, violenza sessuale durante la festa al campo nomadi

0

Sono stati rintracciati e arrestati dai carabinieri a Milano i due romeni, di 30 e 40 anni, incensurati, su cui pendeva un decreto di fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio e violenza sessuale in concorso, emesso dalla Procura di Roma dopo le indagini dei carabinieri della stazione Roma San Paolo intervenuti immediatamente dopo i fatti, avvenuti la sera del 19 marzo scorso, in un insediamento abusivo su via Ostiense a Roma.

Nel corso di una festa in un accampamento abusivo di via Ostiense, i due uomini avevano palpeggiato alcune donne facendo scoppiare una violenta lite con altri uomini del campo. Durante lo scontro i due avevano aggredito tre connazionali con un ascia e un coltello per poi dileguarsi. Un uomo di 40 anni aveva riportato una ferita di ascia alla testa, un ragazzo 26enne una coltellata al braccio sinistro ed una donna 33enne lesioni varie da bastonate.

LEGGI ANCHE: Ecco il trucco delle ragazze rom per derubare i passanti

Soccorsi ed accompagnati all’ospedale “San Camillo”, il 40enne e’ stato ricoverato in prognosi riservata e si trova tuttora in pericolo di vita, mentre le altre due vittime hanno riportato lesioni per 7 giorni. Le indagini dei carabinieri, intervenuti sul posto, hanno permesso di identificare i due aggressori, consentendo alla Procura di emettere un decreto di fermo a loro carico. Dopo circa cinque giorni di ricerche i due sono stati rintracciati a Milano dai carabinieri della stazione Porta Genova e associati al carcere di San Vittore, a disposizione dell’autorita’ giudiziaria (Askanews).

È SUCCESSO OGGI...