Maltempo a Roma e provincia, traffico in tilt e disagi per strada

0
Maltempo a Roma e provincia, traffico in tilt e disagi per strada

ARTICOLI IN EVIDENZA

Disagi a Roma e provincia causa maltempo. Il Grande Raccordo Anulare è bloccato in corsia esterna con chilometri di coda nel tratto San Giovanni-Laurentina. Traffico in tilt in alcuni punti della capitale. Da Boccea passando per il centro si registrano code a tratti. Circolazione rallentata anche per chi viene dalla provincia, soprattutto dai Castelli e all’ingresso dei caselli autostradali. La pioggia ha caratterizzato la notte della Capitale, che si è svegliata con allagamenti e disagi in diverse zone della città. Da San Giovanni, in centro, fino alle periferie la situazione è critica. Strade allagate e traffico per tutta la mattinata. Disagi si registrano anche in zona Casalotti, passando per il raccordo (in entrata e uscita dalle principali arterie). Disagi anche sulla Prenestina e sul litorale.

Prevista pioggia anche intensa oggi sulla capitale. I venti saranno prevalentemente deboli e soffieranno da EST con intensità di 9 km/h. Possibili raffiche fino a 14 km/h. Temperatura minima di 10 °C e massima di 12 °C. Zero termico a 2050 metri. Domani il maltempo continua ma con fenomeni a carattere di pioggia debole. Vento da Est-Nord-Est con intensità di 7 km/h. Raffiche fino a 15 km/h. Temperature: 11°C la minima e 13°C la massima. Quota 0°C a 1800 metri. Lieve miglioramento per i giorni successivi, ma da sabato prossimo ritorna ancora la pioggia.

“Durerà fino a martedì l’ondata di maltempo sulla Penisola, poi ci sarà una tregua grazie al ritorno dell’alta pressione che garantirà qualche giorno di bel tempo” – a dirlo è il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera, che aggiunge – “L’intensa perturbazione abbandonerà l’Italia lentamente ed interesserà soprattutto i versanti  occidentali”.
Una bassa pressione a ridosso della Sardegna terrà sotto scacco l’Italia per qualche giorno. La perturbazione, che segna il confine tra l’aria calda ed umida in risalita dal Nord Africa con quella più fredda in discesa dall’Europa settentrionale, rinnoverà fino a martedì piogge ed acquazzoni diffusi un po’ su tutta la Penisola, ma risulteranno più intensi  al Nord Ovest, Sardegna e settori tirrenici. Nevicate si avranno sulle Alpi sopra i 700-1000 metri, oltre i 1000-1200m sull’Appennino settentrionale.  Il tutto sarà associato a venti tesi di Scirocco che soffieranno su tutti i mari, specie quelli di ponente.
“Da mercoledì, dopo gli ultimi fenomeni al Sud, arriverà un timido anticiclone che garantirà un miglioramento del tempo almeno fino a venerdì” –  concludono da 3bmeteo.

[form_mailup5q lista=”mobiliti†à]

È SUCCESSO OGGI...