Rai, il piano di Gubitosi tra dubbi e riorganizzazione

0
Rai, il piano di Gubitosi tra dubbi e riorganizzazione
rai

ARTICOLI IN EVIDENZA

Come già annunciato ieri da Maledetta Tv, è stato approvato dal Cda della Rai (con tre consiglieri contrari) il mitico piano di ristrutturazione dell’informazione, che prevede la creazione di due newsroom: in una confluiranno Tg1 e Tg2,  nell’altra Tg3, TgR e RaiNews. In un secondo momento, le due compagini giornalistiche confluiranno in un’unica struttura, denominata Rai Informazione.

LA COMPLESSITÀ DEL PIANO – Oltre ad una riorganizzazione delle testate (che manterranno comunque le loro peculiarità editoriali), la manovra oggi approvata dovrebbe consentire – una volta a regime – risparmi compresi tra 80 e 100 milioni di euro. Si brinda a oltranza, interviste al direttore generale Gubitosi, giulivo per il risultato ottenuto. Vengono giustamente usate parole importanti, come… avvenimento storico… il superamento di un muro invisibile. Anche noi di Maledetta tv siamo felici, ma useremmo semplicemente la parola “normale”. La Rai, rispetto a tutte le aziende pubbliche del mondo, diventerà finalmente “normale”. Quindi merito al dg Gubitosi, anche se il passaggio dalla carta alla realtà sarà durissimo. La rivoluzione che dovrà essere messa in piedi è molto complessa, soprattutto perché avrà contro l’Usigrai e i giornalisti dell’Azienda che da secoli sono abituati a vivere nel privilegio della categoria. E’ come se si dovessero distruggere tanti piccoli orticelli, gestiti in maniera autonoma, dove si coltivano gli ortaggi che uno preferisce, ovvero arrivare e dissodare con una ruspa per formare un grande latifondo. Ci dovremo aspettare di tutto, anche le manifestazioni per difendere le proprie terre. Sarà comunque importante usare non solo il Caterpillar, ma anche il guanto di seta, perché nel bene e nel male le edizioni di tutti i tg Rai sono oggi i leader di ascolto indiscussi. Un patrimonio da non distruggere.

IL DUBBIO – Ma il mondo si interroga: chi saranno i due responsabili delle due News-Room? Se si procederà con la logica di sempre, allora anche la riforma nascerà spuntata. Si parla molto di Monica Maggioni come la candidata preferita da Gubitosi, ci sembrerebbe un azzardo clamoroso, perché l’inviata più inviata della Rai, ha mostrato, con i risultati di ascolto del suo Rainews vicini allo zero termico, di avere problemi nel gestire un solo canale di news, pensate un po’ al comando di un’intera corrazzata formata da Tg3, TgR e Rai News ! Comunque i vari passaggi saranno lunghi e nel frattempo anche noi alziamo i calici, perché il giulivo Gubitosi potrebbe accusarci di non partecipare alla festa, affermando: “Chi non beve con me peste lo colga!”.

[form_mailup5q lista=”maledetta tv”]

È SUCCESSO OGGI...