Regione: a Ostia, Prima Porta e Fiumicino fondi per dissesto idrogeologico

0

La Regione Lazio mette in campo un pacchetto di interventi per contrastare il dissesto idrogeologico nell”area metropolitana di Roma. Sono 16 i lavori immediatamente cantierabili, per un totale di circa 70 milioni di euro, che riguarderanno le aree maggiormente a rischio come Ostia, Fiumicino e Prima Porta. Tra i progetti più importanti la realizzazione di un argine a protezione delle case di Isola Sacra, tra le più colpite durante le alluvioni degli ultimi anni, ma anche la ricalibratura della rete scolante del bacino sotteso alle idrovore Galeria, Piana del Sole e Ostia, la sistemazione dei canali Bagnolo e Pantano e gli adeguamenti idraulici e di ripristino dei fossi Pietra Pertusa, Monte Oliviero e Pratolungo.

LE PAROLE DI ZINGARETTI – “Vogliamo rimediare a quello che è stato uno dei crimini del dopoguerra, la distruzione della qualità del nostro territorio e soprattutto riportare serenita” a tante famiglie di Roma e del Lazio- dice il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti- che ogni volta che c’è un problema con la natura tremano, perchè rischiano di essere allagate. Questi 70 milioni, ci tengo a dirlo, sono stati ottenuti dal Piano nazionale contro il dissesto idrogeologico previsto nel programma Sblocca Italia. Ne partono subito 16, ma in totale sono 200 gli interventi che verranno finanziati dal fondo nazionale”.  Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, spiega poi che “oltre a questi noi abbiamo provveduto a mettere altri 200 milioni di euro, tra fondi europei, fondi Fesr, e fondi dell’agricoltura che saranno tutti finalizzati anche qui a opere contro il dissesto idrogeologico”.

L’INTERVENTO DI REFRIGERI – Tra gli interventi che la Regione Lazio prossimamente metterà in campo, fa sapere l’assessore alle Infrastrutture e Ambiente, Fabio Refrigeri, anche la realizzazione di una vasca, nel bacino medio del fiume, dove far esondare in tranquillità il Tevere quando c’è la piena. Per quanto riguarda i 16 interventi, Refrigeri ha assicurato che “tutti i progetti sono in fase avanzatissima ed esecutiva. Ora l’unita’ di missione sblocchera’ le risorse, in questo mese dovrebbe partire con la procedura e poi si potrà partire con la gara. Si tratta di gare europee. Tra l’altro abbiamo approvato una norma regionale che prevede che se entro un anno non parte la gara, il finanziamento viene ritirato”. I tempi di conclusione “sono legati alla durata del progetto, qualche intervento prevede tempi di lavorazione di 90 giorni, altri di 180 giorni, alcuni sono molto complessi. Parliamo di importi anche di 5 o 10 milioni di euro. Su temi di questo genere- conclude Refrigeri- ogni minuto e ogni giorno diventano ritardi insostenibili anche dal punto di vista della sicurezza delle persone”.

[form_mailup5q lista=”regione lazio”]

È SUCCESSO OGGI...

Thomas Bricca, chi era il 18enne di Alatri morto dopo un colpo di pistola...

0
Il giovane era già stato dichiarato clinicamente morto dopo essere giunto in gravissime condizioni al San Camillo di Roma. I suoi amici hanno fatto alcuni nomi dei presunti responsabili ai Carabinieri

Roma mobilità, al via la gara per l’acquisto di 121 tram

0
"Da lunedì è pubblico il bando per la più grande gara del mondo sui Tram dove viene previsto l'acquisto di 121 convogli per quasi mezzo miliardo".