È morto a Roma Pino Daniele

0
È morto a Roma Pino Daniele

ARTICOLI IN EVIDENZA

“Back home… in viaggio per casa”. Questo l’ultimo messaggio postato lo scorso 1 gennaio dopo il concerto a Courmayeur per il Capodanno di Raiuno. All’età di 59 anni è morto l’amatissimo cantautore napoletano Pino Daniele, stroncato da un infarto la notte scorsa. È successo alle 22.45. Si trovava all’Sant’Eugenio di Roma. A confermarlo è stato il direttore della Asl Roma C Carlo Saitto che ha spiegato come l’artista fosse arrivato in ospedale già in condizioni estremamente critiche.

SHOCK NEL MONDO DELLO SPETTACOLO – Tanti i messaggi di solidarietà di artisti e cantanti. “Sono sconvolto, solo qualche giorno fa era con noi a Napoli. Ognuno di noi ha Pino dentro, la musica, le parole, il ritmo. Pino e” immenso, e” storia”. Lo scrive su twitter il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, sulla scomparsa del cantautore Pino Daniele stroncato da un infarto a 59 anni. “Pino Daniele e” morto- scrive in un altro tweet- ma la sua musica e” eterna. Pino e” Napoli, legame infinito e indistruttibile, come il suono e la voce della sua musica”.

IL TOUR A ROMA – A 34 anni esatti dallo storico album “Nero a metà” che nel 1980 lo aveva consacrato tra i grandi della musica italiana, il cantante partenopeo era tornato di recente nella capitale, il 13 dicembre scorso, con uno spettacolo celebrativo che aveva visto protagoniste le sue canzoni più belle. Da “Quanno chiove” a “A me me piace ‘o blues”; da “I Say I’ Sto Ccà” a “Nun me scuccià”. Grandi classici che hanno creato un vero e proprio stile musicale, tra blues, rock, jazz, sonorità acustiche e l’immancabile tradizione napoletana.

LA NOTIZIA DIFFUSA IN RETE – La notizia, inizialmente diffusa sul web, era stata rilanciata da Eros Ramazzotti, seguito da numerosi altri artisti come Laura Pausini, Tiromancino e Clementino, prima che arrivassero le drammatiche conferme del manger dell’artista Pino Salzano e della figlia Sara che ha parlato di “un momento terribile”. Il 19 marzo Pino Daniele avrebbe compiuto sessant’anni. Una perdita enorme per la musica italiana.

[form_mailup5q lista=”newsletter generale”]   

È SUCCESSO OGGI...