Mafia Roma, trovato nuovo libro nero delle tangenti

0
Mafia Roma, trovato nuovo libro nero delle tangenti

ARTICOLI IN EVIDENZA

Spunta un altro libro nero nell’inchiesta di Mafia Capitale. Per l’esattezza si tratta di un quaderno nascosto a casa di un collaboratore di Salvatore Buzzi, la mente criminale del gruppo a Roma.

IL QUADERNO – All’interno ci sono annotazioni sulla contabilità occulta delle numerose strutture controllate dal gruppo con l’iniziale del nome di chi ha percepito la tangente e accanto la cifra versata. Ancora ignote le annotazioni, ma intanto nell’inchiesta vengono coinvolte figure di rilievo istituzionale come quella di Anna Finocchiaro. Che però smentisce: «Qualcuno ha tirato in ballo il mio nome per presunti incontri o colloqui con Salvatore Buzzi. Non ho mai incontrato, né ho tanto meno parlato con questa persona, non so chi sia e sono pronta a querelare chiunque accosti il mio nome ad una così triste e grave vicenda».

IL SISTEMA DELLE RETRIBUZIONI – Scrivono i magistrati: «La retribuzione sia di alcuni esponenti delle strutture politico-amministrative interessate sia dei membri del sodalizio era possibile grazie all’emissione di fatture per operazioni inesistenti che, a seconda delle società emittenti, determinava diversificate modalità di remunerazione, puntualmente annotate in un cosiddetto “libro nero”, e in particolare: le società riconducibili a soggetti esterni al sodalizio, a fronte dei pagamenti ricevuti, retrocedevano all’organizzazione criminale denaro contante per la creazione di fondi extracontabili, necessari al pagamento dei politici, degli amministratori pubblici, dei dirigenti amministrativi e dei membri del sodalizio; le società direttamente controllate dall’organizzazione criminale, gestite anche con l’utilizzo di prestanomi, attraverso transazioni infragruppo riuscivano a canalizzare le quote illecite verso gli stessi membri ed a soddisfare le esigenze di reimpiego dei capitali illecitamente acquisiti».
Giovedì 11 dicembre i giudici del Riesame cominceranno ad esaminare i ricorsi degli arrestati contro le ordinanze di cattura. Il primo a depositare l’istanza è stato proprio Carminati. Nei prossimi giorni saranno invece interrogati arrestati e indagati e in cima alla lista c’è il sindaco Gianni Alemanno.

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...

incidente gra

Tenta la truffa della carta vetrata: l’incredibile caso a Roma

0
Un nuovo tentativo di truffa della 'carta vetrata', ad opera dei soliti soggetti, e' stato messo in atto nella giornata di ieri, domenica, ed ancora una volta stroncato sul nascere dai poliziotti...