Mafia Roma, De Carlo a Mammucari: «Non dico che vuoi diventare Hulk»

0
Mafia Roma, De Carlo a Mammucari: «Non dico che vuoi diventare Hulk»

ARTICOLI IN EVIDENZA

La diffusione delle intercettazioni sul caso della Mafia capitolina sta creando un vero e proprio scandalo anche nel mondo vip.
Telefonate per dare una lezione a qualcuno, sistemare un affare o minacciare qualcuno. Ma c’è anche chi chiedeva addirittura sostanze dopanti per la palestra. È il caso di Teo Mammuccari, il conduttore delle Iene finito nel fascicolo dei Ros sulla Mafia Capitale.

LEGGI ANCHEANCHE DE ROSSI CHIAMÒ DE CARLO DOPO UNA RISSA

LE RICHIESTE DI MAMMUCCARI – «Sostanze dopanti per la palestra in particolare GH, ormone per la crescita», è la richiesta fatta al telefono dal presentatore tv Teo Mammuccari a Giovanni De Carlo. La telefonata intercettata dal Ros è in una informativa. «Sono chiacchierone, ma non spiattello i cavoli tuoi in giro…non dico che vuoi diventare Hulk», la risposta a Mammuccari.

I carabinieri del Ros scrivono nell’informativa che «nel giugno del 2013 sono state registrate numerose telefonate dello showman il quale, dimostrandosi consapevole della caratura criminale di De Carlo, chiedeva di poter reperire sostanze dopanti per la palestre, in particolare GH, un ormone per la crescita». Di tutta risposta l’esponente della presunta mafia romana in una telefonata intercettata risponde al presentatore televisivo: «sono un chiacchierone, ma almeno non spiattello i cavoli tuoi in giro…non dico che vuoi diventare Hulk».

È SUCCESSO OGGI...