Mafia e appalti, Pignatone: «A Roma diverse organizzazioni» (VIDEO)

0
Mafia e appalti, Pignatone: «A Roma diverse organizzazioni» (VIDEO)

ARTICOLI IN EVIDENZA

“A Roma non c’è un’unica organizzazione mafiosa in grado di controllare tutta la città. Già 40 anni fa il pentito di mafia, Antonino Calderone, e altri pentiti dicevano che Napoli era troppo grande per essere controllata da una sola organizzazione, figurarsi Roma”. Così il procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone, nel corso di una conferenza stampa sull’operazione ”Mondo di mezzo” che ha portato all’arresto di 37 persone. A Roma, come emerge dall’indagine che ha portato all’arresto tra gli altri dell’ex Nar, Massimo Carminati, c’è una “mafia capitale – ha spiegato – con la quale abbiamo definito la presenza dei caratteri di originarietà e di originalità, perchè si tratta di un’organizzazione tutta romana, che non ha legami con le altre organizzazioni mafiose tradizionali con cui ha però rapporti di parità”. Pignatone ha poi ribadito che “a Roma ci sono diverse organizzazioni di tipo mafioso. L’anno scorso ne abbiamo dimostrato l’esistenza di due a Ostia, una collegata a Cosa nostra e una autoctona, e poi c’è il camorrista Michele Senese che da diverso tempo si è trasferito a Roma”.

FINO A 15MILA EURO MENSILI – “Gli elementi raccolti dimostrano un ”patto corruttivo” significativo ed estremamente complesso che prevedeva, a fronte dell”assegnazione di gare ad aziende amiche, un prezzo corruzione elevato dai 15mila euro mensili per diversi anni a centinaia migliaia euro o versate in un’unica soluzione a persone o ad enti e fondazioni collegate a politica romana”. Così il procuratore della Dda di Roma, Michele Prestipino, nel corso della conferenza stampa sull’operazione ”Mondo di Mezzo”. Prestipino ha aggiunto che, a proposito di fondazioni, e” coinvolta anche quella di Alemanno “Nuova Italia”, che vede coinvolti due degli arrestati di questa operazione, Franco Panzironi e Riccardo Mancini.

GLI INDAGATI – Questi gli indagati a piede libero destinatari di informazione di garanzia e sottoposti a perquisizione nell’indagine ”Mondo di mezzo”: 1. ALEMANNO Giovanni, per associazione di tipo mafioso e corruzione aggravata; 2. ALIBRANDI Lorenzo, per associazione di tipo mafioso; 3. ANDRINI Stefano, per associazione di tipo mafioso; 4. ANELLI Giovanna, per corruzione aggravata e turbativa d’asta; 5. BARUCHELLO Gianmario, per corruzione aggravata, turbativa d’asta e illecito finanziamento; 6. BERTI Giuseppe, per associazione di tipo mafioso; 7. BOTTI Angelo, per corruzione aggravata, turbativa d’asta e illecito finanziamento; 8. BRAVO Stefano, per ricettazione; 9. CACCIOTTI Alessandro, per trasferimento fraudolento di valori; 10. CLEMENZI Marco, per false fatturazioni; 11. COMMISSARI Marco, per turbativa d’asta, corruzione aggravata e illecito finanziamento; 12. CORATTI Mirko, per corruzione aggravata e illecito finanziamento; 13. CURTI Michelangelo, per associazione di tipo mafioso; 14. DELL’ANNO Pierpaolo, per associazione di tipo mafioso; 15. DE PASCALI Giampaolo Cosimo, per corruzione aggravata; 16. DE VINCENTI Francesco, per trasferimento fraudolento di valori; 17. DE VINCENTI Lorenzo, per trasferimento fraudolento di valori; 18. DI CESARE Serena, per trasferimento fraudolento di valori; 19. ESPOSITO Antonio, per frode fiscale; 20. FIGURELLI Franco, per corruzione aggravata e illecito finanziamento; 21. FORLENZA Salvatore, per turbativa d’asta; 22. GRAMAZIO Luca, per associazione di tipo mafioso, corruzione aggravata e illecito finanziamento; 23. IANNILLI Marco, per trasferimento fraudolento di valori 24. LAUSI Luigi, per associazione di tipo mafioso; 25. LETO Domenico, per associazione di tipo mafioso 26. LIMITI Emiliano, per associazione di tipo mafioso; 27. LUCARELLI Antonio, per associazione di tipo mafioso; 28. LUZZI Tommaso, per associazione di tipo mafioso; 29. MASTROPAOLO Giancarlo, per false fatturazioni; 30. MOKBEL Gennaro, per estorsione; 31. OZZIMO Daniele, per corruzione aggravata; 32. PATANE’ Eugenio, per turbativa d’asta e illecito finanziamento; 33. POLITANO Italo Walter, per associazione di tipo mafioso; 34. QUARZO Giovanni, per associazione di tipo mafioso; 35. RUSSO Fabio, per trasferimento fraudolento di valori; 36. SCOZZAFAVA Angelo, per associazione di tipo mafioso e corruzione aggravata; 37. STEFONI Fabio, per corruzione aggravata e illecito finanziamento; 38. TANCREDI Fabio, per associazione di tipo mafioso e corruzione aggravata; 39. TINOZZI Giovanni, per corruzione aggravata.

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...