Tor Sapienza, la Caritas: su immigrazione dalla politica nessuna soluzione

0
Tor Sapienza, la Caritas: su immigrazione dalla politica nessuna soluzione
Tor Sapienza, la stazione ferroviaria tra vandali e degrado

ARTICOLI IN EVIDENZA

Il degrado delle immense periferie romane esplode nei disagi e nelle tensioni contro il centro immigrati di Tor Sapienza. E dopo gli scontri e le polemiche interviene la Caritas romana con una netta presa di posizione. “Il 30 ottobre 2007 veniva barbaramente assassinata Giovanna Reggiani. A distanza di sette anni, dopo gli avvenimenti avvenuti la scorsa notte a Tor Sapienza con l’assalto a un centro di accoglienza per immigrati titolari di protezione internazionale e alle forze dell’ordine che lo presidiavano, nulla sembra cambiato nella città di Roma. La stessa paura, l’incapacità delle istituzioni e della classe politica di proporre soluzioni serie e di prospettiva, la spregiudicatezza di politici che cavalcano il malcontento delle periferie attirando i gruppi più estremi e facinorosi e spingendo la popolazione a una ”guerra fra poveri”, la mancanza di riferimenti culturali in una città che appare rassegnata, il clima politico di estrema precarietà.

INVITO ALLE ISTITUZIONI – La Caritas di Roma non può tacere la grave situazione e in primo luogo invita gli uomini delle istituzioni, i politici, gli operatori della comunicazione e tutti coloro che hanno responsabilità, a non alimentare tale clima di paura e impotenza. È vergognoso che, mentre da settimane nelle nostre periferie cresce la protesta – purtroppo accompagnata da episodi di violenza – l’intera classe politica capitolina non trovi di meglio da fare che discutere per giorni di otto multe non pagate. La situazione di Tor Sapienza – così come Corcolle, Torre Maura, Romanina, Ponte Mammolo e altre zone – rappresenta sì il risultato di anni di abbandono, ma allo stesso tempo l’effetto di attuali politiche sbagliate verso i rom e i rifugiati, senza sforzi per l’integrazione e improntate soprattutto sull’emergenza, frutto di istituzioni che non collaborano e non dialogano (Prefettura-Comune-Municipi), di cooperative senza scrupoli che poco hanno a cuore la sorte delle persone che gli sono affidate, di territori abbandonati dalle Istituzioni. Situazioni di cui sono parimenti vittime italiani e immigrati: è difficile per chiunque impegnarsi in progetti di integrazione in contesti dove le persone si sentono sole, non vedono rispettati i propri diritti, in cui episodi di micro criminalità veri o presunti rischiano di degenerare in rappresaglie e spedizioni. La comunità cristiana oggi ancora di più deve rendersi visibile e partecipe con la preghiera e iniziative di solidarietà e integrazione. Le parrocchie e i sacerdoti, che in quei territori rappresentano spesso gli unici punti di riferimento, svolgono un lavoro enorme di vicinanza e di supporto alla popolazione. A tutti il compito di far sì che il disagio di tanti si trasformi in maggiori diritti e che la protesta non sia contro l’altro ma a favore della giustizia”. E’ quanto si legge in una nota della Caritas.

INCONTRO IN COMUNE – Ma il grido di allarme è corso anche nei corridoi del Campidoglio, dove la presidente della Commissione politiche sociali Erica Battaglia ha confermato le difficoltà ben note della zona di Tor Sapienza al termine di un incontro con la cittadinanza:  “E” emersa non solo l’inadeguatezza della struttura di via Morandi, ma anche un generale sovraccarico di disagio: i roghi di via Salviati, il secondo centro a via Staderini, la prostituzione che anima piazza Pascali”. Se il sindaco Marino nei prossimi giorni visiterà il quartiere, da subito la presidente Battaglia ha chiarito: “Ci prendiamo l”impegno di chiedere un nuovo modello di accoglienza per Roma e rispondere alle esigenze di decoro urbano che vengono dalla cittadinanza emerse nel corso del dibattito”.

LE PAROLE DEL SINDACO –   A fine pomeriggio è intervenuto anche il sindaco a commentare l’incontro con i cittadini: “Chiederemo se vi sono le condizioni per una diversa e più equa distribuzione cittadina degli ospiti dei centri di accoglienza. Metteremo, inoltre, a disposizione uno spazio del Comune da destinare a una nuova biblioteca per tutti. Chiamerò il Presidente dell’Ama per un’azione incisiva di spazzamento, raccolta dei rifiuti e contrasto del degrado, mentre il taglio degli alberi partirà da domani. E ho già chiamato Acea per gli interventi urgenti per il ripristino e l’aumento dell’illuminazione di alcune vie. Per i reati che mi sono stati segnalati, invece, ho già parlato con il Questore. Prendiamo impegni concreti, e non facciamo promesse vane, perché vogliamo avere un rapporto chiaro e costruttivo con tutti i cittadini”.

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...

RAGGI: ‘STRADE NUOVE’, ECCO VIA APPIA PIGNATELLI

0
"A Roma continua il programma#StradeNuove. Oggi siamo nella periferia sud est, in via AppiaPignatelli. Si tratta di una delle arterie di traffico checonsente l'ingresso in citta' per migliaia di romani ognimattina. Il...

Processo d’appello per i due balordi che hanno paralizzato il giovane nuotatore Bortuzzo

0
Il 3 febbraio 2019 con un colpo di pistola due balordi sparano al  ventenne nuotatore Manuel Bortuzzo paralizzandolo su una sedia a rotelle. Oggi la Procura generale ha chiesto la conferma in appello della...