Ospedali, Roma perde 217 posti letto. Ecco dove si taglia e dove no

0

Il piano di riorganizzazione degli ospedali della Regione Lazio presentato ieri dal presidente Zingaretti ha portato a un importante riequilibrio della offerta sanitaria sul territorio. Con oltre 21 mila posti letto la Regione ha voluto portare in provincia più posti letto e servizi, puntando alla specializzazione dei servizi area per area. A perdere posti letto, però, è stata la capitale che nelle sue varie zone vedrà diversi cambi di scenario negli ospedali, con alcuni nosocomi che saranno fortemente penalizzati e altri premiati, ma con una complessiva perdita di 217 posti letto.

DOVE DIMINUISCONO – Ecco dunque la mappa di come cambia l’offerta negli ospedali romani. La riduzione dei posti letto riguarda 21 complessi ospedalieri raggruppati in quindici centri: primo è il San Filippo Neri con 73 posti in meno. Seguono l’Umberto I con 66 posti letto in meno, poi tra i big di Roma il Pertini con 47 posti in meno. Gli altri che perdono posti: Idi -36 posti, Santo Spirito -31, INMI Spallanzani -28, Sant’Eugenio-Cto -27 (aumentata l’unità spinale Unipolare da 16 a 32 posti), Cristo Re -23, Eastman Odontoiatria -22, Istituti Fisioterapici ospedalieri IFO -14, Fatebenefratelli/Policl. Di Liegro/Grassi (ma si aggiungono 19 posti al centro paraplegici) -11, Nuovo Regina Margherita -10 (zero posti letto, ma diventa Casa della salute), Nuova Itor/S. Andrea/ Cdc Città di Roma -6, Cdc Fabia Mater/Ircss Santa Lucia -5, Osp Oftalmico/Osp S. Pietro – 1.

DOVE AUMENTANO – Crescono invece altri ospedali con in testa il Policlinico Tor Vergata con 74 posti in più, il CampusBiomedico con 35 posti, San Giovanni +30, San Camillo Forlanini con +29, Cpo con +19, Pol. Casilino +8, Cdc C.W. Hospital +4, San Carlo di Nancy +3, Aurelia Hospital +2, Vannini +1.

[form_mailup5q]

È SUCCESSO OGGI...