Rai, la Vita in diretta migliora ma la D’Urso non si batte. Ecco perché

0
Rai, la Vita in diretta migliora ma la D’Urso non si batte. Ecco perché
Barbara D'urso

ARTICOLI IN EVIDENZA

E’ ancora presto per fare un bilancio della nuova “Vita in diretta” condotta da Cristina Parodi e Marco Liorni. Quello che possiamo dire con certezza è che il programma é assolutamente migliore rispetto all’edizione dell’anno precedente condotto da Paola Perego e Franco di Mare.

NUOVO TEAM – La nuova squadra è riuscita a far dimenticare la penosa esperienza del duo Floppers, sparita quella tenebrosa scenografia, scomparsi i tentennamenti dei due conduttori, l’atmosfera melensa è stata soffiata via in un attimo, insomma finalmente ci troviamo a vedere un programma normale. Ci sono le scalette sensate, i due conduttori si alternano con garbo e simpatia. Certo il confronto con Pomeriggio 5 continua a essere perdente, Barbara d’Urso sembrerebbe sulla strada di vincere anche quest’anno.

CAPACITÀ COMUNICATIVE – Un fenomeno che spesso viene liquidato con delle considerazioni banali: la D’urso è volgare, tratta temi scabrosi, per questo è vincente. A noi sembra che la conduttrice di Pomeriggio 5 sia invece una donna che vince perché la sua capacità di comunicare è assolutamente eccezionale. Parla con grande calore al suo pubblico, lo sa guardare in faccia e sicuramente a casa la sentono presente, una figura che sta con loro, un’amica. Una maestra quindi della conduzione tv, non l’abbiamo mai vista specchiarsi nello schermo della tv per ammirarsi, ma sempre è protesa verso il suo pubblico. Mentre quindi Pomeriggio 5 si conferma un programma caldo e possente, se dobbiamo fare il confronto, la Vita in diretta pecca invece di una certa freddezza.

I LIMITI – Sembra di entrare in un salotto meneghino, dove ogni cosa è a posto, nessuna sbavatura, talmente a modino che molto pubblico rinuncia a frequentarlo. Parodi è una specie di robot, non sbaglia mai, come quando faceva il tg, sa fare le domande, si veste come una maestrina di Bergamo di domenica, ma sicuramente è priva di un pizzico di passione italiana, gli ingredienti ci sono tutti ma mancano gli aromi, il basilico ad esempio, o un po’ di cipollina fresca, e magari qualcosa come i bucatini alla amatriciana. Anche Marco Liorni è stato contaminato da questo clima austero, lui è un conduttore sensibile, riservato, con Mara Venier riusciva ad aggiungere simpatia e passione, con la Parodi subisce l’atmosfera e accentua il suo temperamento da bravo ragazzo introverso. Comunque gli ascolti della Vita in diretta confermerebbero questo trend, ma a Raiuno probabilmente si dirà che quest’anno lo share non conta niente (si dice ogni volta che si perde) e poi che questa Barbara D’Urso è così volgare…

[form_mailup5q lista=”maledetta tv”]

È SUCCESSO OGGI...