Controlli in aeroporto: i cellulari scarichi restano a terra

0
Controlli in aeroporto: i cellulari scarichi restano a terra
Fiumicino, rubavano in aeroporto: 4 arresti

ARTICOLI IN EVIDENZA

La batteria scarica rischia di lasciare qualcuno a terra nel vero senso della parola. Le nuove norme della Transportation Security Administration americana, infatti, prevedono che in certi aeroporti sia obbligatorio accendere e mettere in funzione gli apparecchi elettronici con cui si viaggia, se lo richiedono gli addetti alla sicurezza al momento dei controlli. Così, se lo smartphone o il tablet sono scarichi, non potranno essere portati a bordo, perché non sarà stato possibile verificare che non siano ordigni esplosivi camuffati. Il proprietario sarà dunque costretto a lasciarli in deposito in aeroporto prima di imbarcarsi.
LE NUOVE MISURE – Il Department for Transport americano ha rilasciato delle nuove linee guida: “La TSA, ovvero l”agenzia governativa statunitense, nata dopo gli eventi dell’11 settembre 2001, facente parte del Dipartimento dei Trasporti, dedita al controllo degli aeroporti, ha pubblicato un annuncio secondo il quale ogni persona deve dimostrare che il proprio dispositivo elettronico è funzionante. Nel caso in cui la batteria dell’iPhone (o qualsiasi altro smartphone) non dovesse accendersi, allora non lo si potrà portare con se sull’aereo.” Per ora la misura è stata adottata negli Stati Uniti, ma non è da escludere che in futuro anche in Italia si prenderanno precauzioni simili.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

È SUCCESSO OGGI...