Regione Lazio, su aborto e consultori rivoluzione per i medici

0
Regione Lazio, su aborto e consultori rivoluzione per i medici

ARTICOLI IN EVIDENZA

Anche gli obiettori di coscienza saranno obbligati nel Lazio ad aiutare la donna incinta che intenda procedere a una interruzione di gravidanza. Un decreto della Regione Lazio innova le regole cui sono sottoposti i medici nell’ambito dei consultori e va a modificare l’ambito dell’obiezione di coscienza assaltando il dettato della legge nazionale sull’aborto.

LA NOVITÀ DEL DECRETO REGIONALE  – Se l’obiezione potrà essere sempre esercitata dai medici che lo vorranno (non effettuando l’operazione), il decreto firmato dal presidente della Regione pone però nuovi obblighi dopo la avvenuta fecondazione. Il provvedimento è il primo del genere in Italia ed è contenuto nelle “Linee di indirizzo regionali per le attività dei Consultori Familiari”: con il nuovo decreto anche il medico contrario a operare l’interruzione volontaria di gravidanza sarà tenuto a fornire alla paziente tutti i certificati necessari a espletare le procedure per l’aborto e a prescrivere i contraccettivi di tipo routinario e legati al “post-coitale”.

GARANTIRE LA APPLICAZIONE DELLA LEGGE 194 – L’obiettivo è dunque la garanzia, anche in questo delicatissimo ambito, delle cure offerte dalla legge, a tutela del rispetto della applicazione della 194. Lo scopo complessivo è quindi il miglioramento del livello di appropriatezza organizzativa nell’erogazione delle prestazioni sanitarie, anche nell’ambito dei servizi offerti dalla rete dei consultori familiari.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU REGIONE LAZIO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”51″]

È SUCCESSO OGGI...