Valmontone si mobilita: “Io sto con Alessio” (Cerci)

0
Valmontone si mobilita: “Io sto con Alessio” (Cerci)
Alessio Cerci, Valmontone si mobilita per il giocatore del Torino e della Nazionale Italiana, in Brasile per i Mondiali

ARTICOLI IN EVIDENZA

Il Palazzo Doria Pamphilj che si trasforma nell’Arena Cerci, quattro manifesti “Forza Alessio” affissi nei punti cruciali della città (piazza della Repubblica, zona Sant’Anna, zona San Giovanni e via Ariana nei pressi del casello autostradale), un gruppo Facebook “Io sto con Alessio” che conta quasi 1000 fan e le magliette azzurre con la foto del giovane calciatore di Valmontone pronte per essere indossate.

TIFO DA STADIO – I cittadini del centro casilino ma anche appassionati e tifosi di Alessio Cerci si preparano al gran debutto Mondiale dell’Italia di Prandelli, dove tutti sperano di poter vedere il proprio compaesano giocare titolare. «Ma per noi vederlo in Brasile è già una vittoria» spiega Luciano Fontana uno degli ideatori di tutta questa iniziativa insieme all’amico di Alessio, Alessandro Angelucci. «Ci auguriamo tutti che Alessio possa essere protagonista di questo Mondiale – aggiunge Fontana -, che possa giocare e segnare, ma già solo essere lì lo ripaga di tanti sacrifici e per noi è una grande soddisfazione».

CERCIMANIA – Tanti fan sul gruppo Facebook, tanti contatti, tante richieste per le maglie insomma a Valmontone è “Cercimania”. «Alessio lo seguiamo da quando ha debuttato in serie A – racconta Fontana -, ma molti lo hanno visto correre e crescere sul campo da calcio di Valmontone. Poi lo ha scoperto Conti e la sua famiglia lo ha portato a Roma per gli allenamenti con i giallorossi, fino a quando ha spiccato il volo. Noi con queste iniziative vogliamo solo porre l’attenzione giusta su giovani come lui che sono riusciti ad emergere da una realtà provinciale con tanti sacrifici, vogliamo fargli sentire il nostro affetto».

INIZIATIVE – A Palazzo Doria è stata allestita l’Arena Cerci, uno spazio protetto dal traffico in cui il Comune di Valmontone allestirà il maxischermo per seguire in diretta le partite dell’Italia: «Indosseremo la maglietta realizzata in onore di Alessio – conclude Luciano Fontana -, creando questa “macchia azzurro nazionale”. Abbiamo creato questo accordo con l’Amministrazione, che ha deciso di sostenerci grazie al vicesindaco Eleonora Mattia, e quando Alessio tornerà dal Brasile faremo una grande festa e doneremo in beneficenza il ricavato di tutte queste iniziative». Un sostegno a chi ha bisogno seguendo anche la volontà della famiglia Cerci. E dal sindaco Alberto Latini arriva ad Alessio e alla sua famiglia «un sincero in bocca al lupo affinché questa meravigliosa avventura diventi indimenticabile e gli regali quelle soddisfazioni che merita per la costanza e la serietà che ha sempre dimostrato».

APPUNTAMENTI – Valmontone ha tanti romanisti che sognano di vedere Alessio Cerci ancora con la maglia della Roma (ora è nelle file del Torino), dopo questo Mondiale che per lui classe ’87 è davvero una grande occasione dopo il bronzo agli Europei con l’Italia Under 21 nel 2009 e quello della Confederations Cup nel 2013 guarda caso in Brasile. Porterà bene? Chissà in attesa di scoprirlo l’appuntamento è per sabato 14 giugno con Inghilterra-Italia (ore 24 da noi), per il 20 con Italia-Costarica (ore 18) e poi per il 24 con Italia-Uruguay (18).

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

È SUCCESSO OGGI...