Regione Lazio, Zingaretti punta sul merito e i dirigenti a tempo

0
Regione Lazio, Zingaretti punta sul merito e i dirigenti a tempo

ARTICOLI IN EVIDENZA

Più merito, semplificazione, nomina a tempo per i dirigenti pubblici. Sono queste, per il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, le tre cose da fare per rendere più efficiente e moderna la pubblica amministrazione. Il governatore lo ha spiegato intervenendo a un convegno al Forum Pain corso al Palazzo dei congressi dell’Eur di Roma al quale erano presenti il presidente della associazione dei comuni (Anci) Piero Fassino e il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. «Sono tre cose semplici ma che vanno fatte» ha detto. La prima è dare «più merito a chi gestisce le risorse pubbliche, come avviene nelle imprese private». Secondo aspetto, la semplificazione: «qui c’è un grande tema: l’errore dell’Italia è che tutti i livelli di governo fanno un pò tutto. Questo porta a conferenze di servizi che allungano i tempi che spesso sono il brodo nel quale alligna la corruzione».

IL NODO DEI DIRIGENTI PUBBLICI – Ma il ragionamento va oltre  perché se le cariche elettive  di sindaci e governatori sono a tempo lo stesso criterio deve valere per gli inamovibili e pagatissimi dirigenti pubblici. Zingaretti ha citato il caso del Lazio dove il nuovo presidente ha dovuto mantenere in carica per oltre un anno i direttori sanitari nominati dalla precedente amministrazione di Renata Polverini. «Nessun giudizio di merito perché li ho mantenuti tutti – ha proseguito-, ma il nuovo Presidente della Regione, che ci mette la faccia nel bene e nel male, deve anche avere la possibilità di mettere a capo della Pubblica amministrazione persone con le quali c’è un rapporto di stima, fiducia e merito. Questo farebbe risparmiare tantissimi contenziosi». Nonostante questi limiti il Lazio in un anno «è diventato da esempio di disastro a esempio di buona spesa pubblica» perché «abbiamo già chiuso dieci società e cancellato 150 poltrone inutili».

IL RUOLO DELLA CENTRALE UNICA ACQUISTI – Inoltre, ha proseguito il Presidente « è attivissima la centrale unica degli acquisti che in otto mesi ha fatto risparmiare oltre 80 milioni di euro», ma per l’anno prossimo solo sulle grandi gare si prevede un risparmio di 400 milioni. Tuttavia pagare le imprese con gli attuali vincoli del patto di stabilità è matematicamente impossibile quindi «o si rivede questo livello dei debiti, oppure tocca mettere in moto un meccanismo «corretto e giusto che consenta di superare questo vincolo senza sfondare il patto». Nel frattempo la cosa più importante è ridurre la spesa senza tagliare i servizi «e questo sarà possibile quando si supererà la cultura dei tagli lineari, pagando i debiti e riducendo così gli interessi bancari.»  Che è un pò come dire: il Lazio sta facendo la sua parte il Governo faccia la sua.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU REGIONE LAZIO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”51″]

È SUCCESSO OGGI...

Estorsioni, droga e criminalità: arrestati “zì Sandro” e “Marione”

0
Marione e zì Sandro in manette. L’indagine era cominciata nel 2020 e ha ermesso di ricostruire un sistema di vendita di cocaina, hashish e marijuana ben strutturato e smantellato dalla squadra mobile di Roma

15enne accusa l’allenatore di nuoto: «Violentata in un hotel a Roma»

0
Un allenatore di nuoto è stato denunciato con l'accusa di violenza sessuale aggravata nei confronti di una atleta quattordicenne. L'episodio sarebbe avvenuto un anno fa nella Capitale in una camera d'albergo.

Elezioni 2022: ecco qual è l’affluenza alle 12

0
Alle elezioni per il rinnovo della Camera alle ore 12 ha votato il 18,39% degli aventi diritto, quando i dati sono circa alla metà (relativi a 4.014 comuni su 7.904)
Voto Elezioni Tagliando Antifrode

Elezioni, che cos’è il tagliando antifrode sulla scheda

0
Che cos'è il tagliando antifrode? Si entra in cabina elettorale, si vota, si esce ma é dopo non si mette subito la scheda all’interno dell’urna. Come già accaduto per le elezioni del 2018, sulle schede è applicato il cosiddetto tagliando antifrode