Sociale, le “coop“ chiedono al Comune di Roma di garantire il loro lavoro

0
Sociale, le “coop“ chiedono al Comune di Roma di garantire il loro lavoro
assessore Rita Cutini proroga contratti di servizio

ARTICOLI IN EVIDENZA

L’avevano annunciato sabato, l’hanno messo in pratica questa mattina. Oltre cento persone impiegate nelle cooperative hanno manifestato davanti all’ufficio del dipartimento V dell’assessorato alle politiche sociali del Comune di Roma per protestare contro il mancato rinnovo del proroga ai servizi che forniscono in settori delicati della società.

In strada in viale Manzoni, dalle 9, ci sono gli operatori che danno assistenza nei campi nomadi, a minori, a senza fissa dimora, a madri con bambini, a immigrati con convenzioni scadute o in scadenza.

Ci sono anche gli impiegati nel servizio giardini e verde della città, che si ritrovano con gli affidamenti scaduti e mai rinnovati, come anche la convenzione per l’accoglienza in emergenza alloggiativa di 579 persone che è fuori tempo massimo da un mese.

Le cooperative sociali avevano già esposto la questione in una lettera inviata al sindaco Ignazio Marino e ai suoi consiglieri, ma oggi hanno scelto una via più incisiva per farsi ascoltare. E ci sono riusciti: una delegazione è stata ricevuta dall’assessore in persona, Rita Cutini, la quale ha fissato una riunione ufficiale per mercoledì e confermato la proroga ai servizi fino al 31 dicembre.

E dopo? «Continueremo a garantire i livelli di qualità e le prestazioni finora offerte, ma certo è che questa situazione di continua precarietà non aiuta a fare bene il nostro lavoro», sintetizza una operatrice al termine della manifestazione. 

È SUCCESSO OGGI...

Roma, prosegue la lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte della polizia: 13...

0
I poliziotti del commissariato Trastevere hanno denunciato, in stato di libertà, un minorenne che, in Piazza San Cosimato, è stato trovato in possesso di 0.9 grammi di marijuana e 21 grammi di...

Coronavirus, in Serbia le bugie di stato

0
Da Belgrado Antonela Riha per Obc (Osservatorio Balcani e Caucaso, periodico on line) scrive che a più di tre mesi dall’annucio dell’epidemia di coronavirus, in Serbia si registra un drammatico aumento di...

CORONAVIRUS, D’AMATO: «OGGI REGISTRIAMO 20 CASI, DI QUESTI L’80% SONO CASI DI IMPORTAZIONE»

0
“Oggi registriamo un dato di 20 casi. Dei nuovi casi l’80% sono quelli di importazione (16). Di questi casi di importazione 12 hanno un link con voli di rientro dal Bangladesh già...