Rapina in villa, imprenditore reagisce e uccide il ladro

0
 

E’ finita in tragedia una rapina in villa a Roma.

Nella notte in via Nomentana, all'altezza di Casal Boccone, un imprenditore di 81 anni ha sentito dei rumori nel giardino di casa e pare abbia sparato prima dei colpi in aria (quattro da un balcone) e poi abbia colpito uno dei ladri (in tutto erano in tre), un romeno 36enne con precedenti, che è morto sul colpo.

La moglie era già stata legata e imbavagliata al piano di sotto della villa, mentre il marito si trovava al piano superiore. Scendendo le scale, dopo aver visto la donna in ostaggio dei banditi, pare che l'uomo abbia sparato verso i ladri uccidendone uno. Il corpo del romeno senza vita è stato trovato nel giardino di casa.

I coniugi, messi in fuga i ladri, sono poi riusciti a chiamare le forze dell'ordine, che ora stanno accertando la veridicità dei fatti. Gli altri due complici sono fuggiti senza portar via nulla.

 

È SUCCESSO OGGI...

Auto fuori strada, 4 giovanissimi morti nell’impatto: avevano da 19 a 22 anni

0
L'ennesimo drammatico incidente stradale. Quattro giovani dell'alto Tevere umbro, sono morti nella notte in uno schianto avvenuto in località Altomare a San Giustino Umbro.

Roma più “verde”, 69 milioni per nuovi alberi e la riqualificazione di parchi e...

0
Il sindaco Gualtieri e l'assessore Alfonsi presentano il piano per rendere Roma più 'verde', da Villa Ada a Castel Fusano. Gli interventi finanziati con 69 milioni

Ecco i nuovi cassonetti di Roma, si parte da viale Libia e via Appia...

0
Arrivano a Roma i nuovi cassonetti per la raccolta dei rifiuti su strada. Sono più grandi e capienti, non si potranno spostare nè rovesciare e avranno una nuova forma a campana

Roma, investito e ucciso sulla Nomentana

0
La vittima aveva 61 anni, lavorava nella capitale ma era di Monastier, in provincia di Treviso. È stato rinviato a giudizio lo scooterista di 48 anni di Guidonia

Roma: fuochi d’artificio, rose e fumogeni per il funerale del boss Biagio Sparapano

0
Una specie di tributo al boss con fuochi d’artificio, lancio di rose, fumogeni e un corteo accompagnato dal suono dei clacson: così è stata celebrata la scomparsa del boss Biagio Sparapano.