Un italiano su tre si affida al cibo biologico per ritrovare il buonumore

0
 

Tempo di “vacche magre”, portafogli sempre più leggeri e l’Italia al supermercato risponde con scelte molto oculate sugli alimenti da consumare: da chi dà molta attenzione all’aspetto nutrizionale di ciò che mangia (37%), a chi sceglie basandosi solo sulla qualità (29%). Solo il 21% degli intervistati si dice, infatti, ancora disposto a trovare un compromesso tra cibi che fanno bene e leccornie.

Conseguenza naturale, risultano immancabili sulle tavole degli italiani i piatti della tradizione regionale e gli alimenti di stagione. All’opposto, riscuotono meno successo i cibi precotti e quelli stranieri. E nella “top five” dei cibi del buonumore spiccano su tutti i dolci tradizionali (29%), seguiti da pasta fresce e snack. È quanto emerge da uno studio condotto su VdG magazine di questo mese, condotto tramite interviste web a oltre 1.700 utenti di blog, forum e community dedicati al mondo del food, al fine di indagare preferenze, abitudini alimentari degli italiani. Insomma, gli italiani a tavola sono sempre più tradizionalisti e sentimentali. Immancabili, infatti, piatti della tradizione, piatti di stagione e quelli che ricordano l’infanzia.

Se, quindi, alcuni degli intervistati scelgono un alimento o un piatto solo per una questione di gusto personale, i più sono spinti da motivazioni più profonde: “mi mettono di buonumore” (31%) e “sono i sapori della mia adolescenza”. Stesso discorso vale  per le motivazioni che portano gli italiani a rifiutare alcuni cibi: quelli precotti, i cibi che fanno parte di altre culture e, a sorpresa, anche se in percentuale minore le leccornie.

Spicca su tutti un “mi intristiscono”, seguito da considerazioni più tradizionali come “sono intollerante” o “mi danno un senso di pesantezza”. Appare evidente, quindi, una particolare attenzione su un tipo di alimentazione sana (27%), contro solo un esiguo 13% che è poco attento all’argomento. Un atteggiamento confermato dall’interesse mostrato degli intervistati per le caratteristiche di ciò che mangiano come stagionalità e luogo di produzione.

È SUCCESSO OGGI...