Cadute e distorsioni, sulla neve le donne rischiano di più. Ecco perché

0

Banali cadute sulla neve e sul ghiaccio, ma anche pericoli dovuti ad attività sportive svolte senza attrezzatura e protezioni adeguate. Le donne sono più esposte alle distorsioni, che le colpiscono in misura doppia (42,1%) rispetto agli uomini (23,7%). Secondo dati dell'Istituto superiore di sanità le distorsioni rappresentano il 32,8% degli incidenti totali sulla neve, seguono poi con il 27,4% le contusioni, le fratture (15,7%) e le lussazioni (8,7%).

Incidenti che per le donne valgono doppio. “Il corpo femminile ha delle caratteristiche diverse rispetto a quello maschile – spiega Silvia Malaguti, neurologa, specialista di disfunzioni pelvi-perineali del Centro Medico di Neurofisiologia e Biomeccanica applicata alle disfunzioni pelvi-perineali di Milano – che le espone a maggiori e più frequenti problemi che possono favorire la progressione di un prolasso o altre disfunzioni della sfera uro-genitale”.

Anche una banale scivolata con caduta finale sul fondoschiena è per le donne un problema molto più serio. “Cadere violentemente, su una lastra di ghiaccio o su di un gradino bagnato, – aggiunge Malaguti – può determinare scompensi posturali molto più frequentemente nelle donne che negli uomini e ciò può creare disturbi funzionali – continua l'esperta – come il dolore pelvi-perineale o disturbi vescicali con sintomi che ricordano la cistite. Dopo una caduta si possono manifestare persino difficoltà a svuotare la vescica, dolore alla defecazione, ma anche disturbi della sfera sessuale”.

Anche le donne che nel week end si lanciano in attività sportive impegnative come lo sci o lo snowboard senza una preparazione adeguata o affaticando eccessivamente le strutture muscolari e scheletriche devono prestare particolare attenzione alle loro zone deboli, coccige e pavimento pelvico. Le conseguenze di una caduta in pista o di uno scontro con un altro sciatore, episodi frequenti in montagna in questo periodo, vengono spesso sottovalutate: “Si applicano borse di ghiaccio e pomate a basi di antinfiammatori non steroidei che hanno la capacità di alleviare rapidamente il dolore, anche se per poco tempo.

Quello che in pochi sanno – continua Malaguti – è che il colpo subito potrebbe aver provocato un trauma della colonna cervicale simile al colpo di frusta che si verifica nei tamponamenti. Questi incidenti ad alta quota possono dar vita a cefalea, instabilità posturale, vertigini, formicolii agli arti e dolori cervicali”.

In caso di neve in città, il consiglio è di evitare di uscire di casa a piedi, se non necessario, e di indossare scarpe con la “suola scolpita”, così da evitare cadute che possono avere conseguenze traumatiche per le ossa, soprattutto per quelle del bacino. “Per praticare sport sulla neve – ricorda l'esperta – bisogna proteggere i punti più fragili con imbottiture, indossare le protezioni per ginocchia e spalle, allacciare sempre bene gli scarponi e non fare mai a meno del casco. Ai primi segni di stanchezza, le donne dovrebbero rallentare o terminare l'attività – conclude Malaguti – in quanto spesso hanno una resistenza e una sopportazione della fatica e del dolore maggiori rispetto uomini, che non sono però supportate dalla stessa robustezza fisica”. (asca)

 

 

È SUCCESSO OGGI...

Cotral, dichiarano un livello avanzato di inglese ma fanno scena muta. Annullato il concorso...

0
Avevano dichiarata di avere un livello avanzato di conoscenza dell'inglese per diventare autisti Cotral, l'azienda dei trasporti della Regione Lazio ma, alle domande in lingua dei commissari del concorso ben 7 su...

Al via a Torvaianica il progetto di sensibilizzazione “Ti riciclo una canzone”

0
Ha preso il via sul litorale di Torvaianica “Ti riciclo una canzone”, il progetto di informazione e sensibilizzazione sulla raccolta differenziata – organizzato dal Comune di Pomezia in collaborazione con Formula Ambiente,...

Roma, sfonda con un martello le auto dell’ex: in manette stalker violento

0
Già sottoposto alla custodia cautelare in carcere nel marzo scorso per atti persecutori, sostituita nel mese di aprile con la misura degli arresti domiciliari fino al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati...

CORONAVIRUS, D’AMATO: «OGGI 20 CASI. DI QUESTI, SEI SONO DI IMPORTAZIONE»

0
"Oggi registriamo nel Lazio 20 casi. Di questi, sei sono di importazione: tre di rientro dalla Romania, uno dagli Stati Uniti, uno dall'Albania e uno dall'India". Lo rende noto l'assessore alla Sanità...

Stadio Roma, Campidoglio: ok Giunta delibere propedeutiche a convenzione urbanistica per realizzazione progetto

0
La Giunta capitolina ha approvato le due delibere necessarie e propedeutiche per l’approvazione del provvedimento finale relativo al progetto del nuovo stadio a Tor di Valle, ovvero la convenzione urbanistica che dovrà...