Dimissioni Papa, Rutelli: «Una scelta che io avevo previsto»

0
 

«Il Papa si dimette. Solo un uomo di fede, pensatore inquieto come Joseph Ratzinger avrebbe potuto inaugurare una simile novità per la Chiesa Cattolica». E' quanto scrive su Facebook, dopo il primo flash battuto dalle agenzie, Francesco Rutelli. Secondo  il leader di Api, alla base della decisione repentina del santo Padre, vi asarebbe anche la perdita della fede in Dio, come avrebbe recentemente rivelato al Cardinal Ruini che l'avrebbe assistito spiritualmente nella dolorosa scelta.

«Diverse persone con cui ho parlato di questo tema negli ultimi anni – si legge nella nota di Rutelli – saranno forse sorprese di constatare che io avevo annunciato loro che, secondo me, il Papa avrebbe compiuto precisamente questo atto: che sarebbe stato il primo Pontefice della Storia “moderna” a dimettersi. Dialoghi, logica, convincimento mi hanno portato a prevederlo non come certezza, ma come profonda probabilità: molto sarebbe dipeso, con il correre degli anni, dalla salute e dall'autonomia operativa e intellettuale di Benedetto XVI.

Penso che ogni cristiano oggi debba pregare per la nostra Chiesa, che è investita di una sfida enorme e molto appropriata alla difficoltà e alle domande del tempo. La scelta personale di Papa Ratzinger è inevitabile per una struttura a guida assolutamente personale. La scelta del successore porrà alla prova i membri del Conclave, ma coinvolgerà anche un'immensa comunità di credenti. E, grazie a Benedetto XVI, parlerà all'intero mondo; un mondo che cambia così velocemente, mentre avverte l'immensa difficoltà di assegnare riferimenti autentici a valori spirituali da cui l'Uomo sa di non poter prescindere», conclude la nota di Rutelli.

È SUCCESSO OGGI...

Roma, prosegue la lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte della polizia: 13...

0
I poliziotti del commissariato Trastevere hanno denunciato, in stato di libertà, un minorenne che, in Piazza San Cosimato, è stato trovato in possesso di 0.9 grammi di marijuana e 21 grammi di...

Coronavirus, in Serbia le bugie di stato

0
Da Belgrado Antonela Riha per Obc (Osservatorio Balcani e Caucaso, periodico on line) scrive che a più di tre mesi dall’annucio dell’epidemia di coronavirus, in Serbia si registra un drammatico aumento di...