Sgomberata l’ex scuola abbandonata

0

Era diventato un dormitorio per senzatetto fuori da ogni controllo e regola. Ieri gli agenti della polizia locale del gruppo XV diretti dal comandante Lorenzo Botta hanno portato a termine lo sgombero della ex scuola 8 marzo di Via dell’Impruneta 51 alla Magliana. L’operazione di sicurezza è arrivata dopo le decine di segnalazioni di cittadini e di esponenti politici che lamentavano il degrado dell’area abbandonata da cinque anni e richiedevano una sistemazione a favore dei residenti.

Soddisfazione per lo sgombero è stata espressa da Augusto Santori, consigliere del Pdl del Municipio XV, e Gianni Paris, presidente del Municipio XV che hanno colto l’occasione per ricordare l’urgenza di un’operazione di recupero dello stabile. «Doveva essere destinato anni fa a commissariato, poi sembrava fatta per l’entrata di un incubatore di imprese in periferia gestito da Sviluppo Italia – spiega Santori – ma nel frattempo arriva l’occupazione dei centri sociali che porta a situazioni di sfruttamento arrivate addirittura in Tribunale. Ora noi sosteniamo che debba essere restituito decoro a Magliana e una nuova struttura da destinare immediatamente a un nuovo progetto, altrimenti l’operazione degli agenti polizia sarà risultata inutile» Il minisindaco Paris chiama in causa direttamente il Comune.

«Il Campidoglio deve finalmente dire al Municipio e al quartiere cosa intende fare di quella sede e operare per restituirla ai cittadini. Io propongo la realizzazione di un asilo nido e di una scuola materna che possano andare incontro alle aspettative delle famiglie. La parte superiore dell’edificio si potrebbe finalmente aprire alle pregiate funzioni accademiche della Terza Università. Già cinque anni fa, avevo cominciato a curare il progetto prendendo contatti con il Rettore Fabiani che aveva dimostrato la sua disponibilità. Data la carenza di aree verdi nel quartiere, nel grande spazio davanti all’edificio, auspico la sistemazione del giardino da aprire ai cittadini. Quindi si chiede la possibilità di funzioni pubbliche, di servizio e qualificanti: università, asilo nido, scuole e un giardino per restituire decoro e dignità a questo importante complesso. Ora attendiamo che Alemanno batta un colpo».

È SUCCESSO OGGI...