Sindaci uniti contro le discariche

0

Ignorati dalla Regione, ieri i sindaci della Valle del Tevere hanno deciso di "autoconvocarsi" per far sentire la loro voce contro la discarica di Quadro Alto. E' stata una giornata movimentata quella di ieri sull'annosa questione per “il dopo Malagrotta”. La mancata audizione degli amministratori locali in commissione Ambiente, in programma oggi alla Pisana, non è infatti piaciuta a molti. Diverse le polemiche dai banchi dell'opposizione regionale a partire dal capogruppo de La Destra, Francesco Storace, che ha giudicato «imbarazzante» la scelta del presidente Carlino.  Intanto dal Municipio XX è arrivato un altro no alla decisione del prefetto Pecoraro. Ieri mattina si è svolta una riunione di Consiglio dedicata all’ipotesi di discarica, alla presenza di rappresentanti dei Comuni di Castelnuovo di Porto e Capena.  Ha aperto il minisindaco Giacomini che ha sottolineato la netta contrarietà   alla realizzazione della discarica per «le ripercussioni sulla viabilità e sulle attività agricole vicino al sito individuato, che sicuramente risentirebbero dell’inquinamento delle falde acquifere nel terreno».

Il sindaco di Castelnuovo di Porto Stefoni ha rincarato la dose e con una battuta ha paragonato la Tiberina a una vera e propria via crucis. A fargli eco l'assessore di Capena Teodonno che ha denunciato come problematiche di questo genere vengano «da sempre catapultate dall'altro senza il coinvolgimento delle istituzioni direttamente coinvolte».  Ieri in serata i sindaci della Valle del Tevere si sono dati nuovamente appuntamento nell'aula consigliare del Comune di Riano per avviare una battaglia legale al Tar. Il ricorso sarebbe già pronto e si fonda su una serie di studi condotti da emeriti studiosi del settore. All’ordine del giorno anche la probabile proroga di Malagrotta. Fuori intanto prosegue la protesta. I cittadini hanno manifestato da ieri le proprie rimostranze contro la Polverini e Pecoraro affiggendo decine di striscioni nel centro del paese (vedi foto in pagina). La protesta, quella  vera, ci sarà invece sabato a Roma, in piazza Santissimi Apostoli dove sono attesi migliaia di cittadini provenienti anche da Fiumicino e Corcolle.

 David Colangeli

È SUCCESSO OGGI...