Crepe e pericoli: una scuola a pezzi

0

Pavimenti saltati, profonde crepe sui muri, bagni non funzionanti e spesso maleodoranti, porte rotte. Che la struttura della scuola elementare dell’Istituto Giovanni Paolo II fosse fatiscente le mamme degli alunni l’avevano già scoperto da tempo. Da anni i genitori esasperati per le condizioni dell’edificio frequentato dai loro bambini denunciavano questa situazione al Municipio XIII. Ieri il primo sopralluogo dell’Assessore alla Scuola Ludovico Pace che ha ispezionato il plesso accompagnato dalle stesse mamme.

Nel giardino dove giocano i bambini emergono pericolosamente dal terreno le radici degli alberi e le mattonelle dei vialetti sono tutte saltate. A causa del nubifragio della scorsa settimana un albero è crollato e l’area è stata recintata per cercare di non far avvicinare i bambini. Ma il nastro è troppo alto per impedirne del tutto il passaggio, quindi è necessario un continuo controllo mentre i bambini giocano in cortile. Ci sono anche altre aree recintate e le grate che circondano l’area in alcuni punti sono rotte e rattoppate con fili di metallo facili da aggirare per bambini molto piccoli.  Il pavimento è pericolosamente rovinato anche a ridosso delle uscite di emergenza e delle scale. Sono preoccupate le mamme degli alunni, convinte che il controllo non può essere sufficiente ma che bisognerebbe prevenire con degli interventi urgenti di ristrutturazione. Questo hanno richiesto ieri all’Assessore mentre gli mostravano i punti di criticità fuori e all’interno della struttura.«Avvertirò al più presto l’assessore ai lavori Pubblici Amerigo Olive per prendere i dovuti provvedimenti. Bisogna infatti verificare se ci sono i soldi in bilancio per i lavori»ha affermato l’assessore Pace.

Numerosi sono i problemi anche all’interno, come pavimenti rotti, bagni spesso non funzionanti e porte sfasciate. Nei bagni a lasciar a desiderare è anche la pulizia gestita dalla società Multiservizi.  Le mamme lamentano dei cattivi odori già spesso nelle prime ore del mattino. «Siamo molto preoccupate perché più di una volta alcuni bambini si sono fatti male giocando in giardino»denuncia Dina Sapienza presidente del Comitato genitori di Dragoncello, che da mesi sta divulgando informazioni nel web. «Fuori dall’edificio sono visibili delle profonde crepe sui muri e parte dell’edificio sembra quasi sprofondare. Come possiamo essere tranquille per la sicurezza dei nostri bambini» segnala una delle mamme presenti al sopralluogo.  Tuttavia il dirigente scolastico, Pompeo Ricci, precisa che i tecnici del comune hanno effettuato i dovuti rilievi e che hanno certificato la sicurezza dell’edificio.   

Fabrizia Memo

È SUCCESSO OGGI...

ROMA, RITROVA LA SUA BICICLETTA RUBATA SU UN PORTALE DI ANNUNCI ONLINE

0
Qualche giorno fa aveva sporto la denuncia di furto della sua bicicletta ma poi, sbirciando sul web in cerca di qualche offerta per acquistarne un’altra, l’ha ritrovata in vendita su un portale...