Tiburtina, in oltre 200 a festa Halloween in centro culturale: 2 denunciati

0

E' stato un notevole assembramento in Via della Lega Lombarda di persone ad attirare l’attenzione degli agenti del Commissariato Porta Pia impegnati nei servizi disposti dal Questore di Roma in occasione delle iniziative organizzate in occasione della ricorrenza di Halloween, e concentrati nei luoghi del divertimento.

Gli agenti hanno deciso così di effettuare un controllo all’interno di quello che doveva essere un’associazione culturale, trovandosi invece nel bel mezzo di una festa danzante con oltre 200 persone stipate all’interno. La sala adibita a discoteca, con gente che ballava, fumava e beveva superalcolici, era priva anche di un’uscita di sicurezza. L’arredo, costituito per lo più da oggetti in legno e divani in pelle e quindi di materiale facilmente infiammabile, era posto vicino a dei tavoli sui quali erano state accese delle candele. Gli agenti, al fine di evitare incidenti e prevenire potenziali pericoli, hanno così deciso di intervenire interrompendo la festa in atto e procedendo all’identificazione delle persone presenti. Ma durante l’operazione per la chiusura del locale per sequestro preventivo, il presidente dell’associazione culturale, assieme al vice presidente, inveivano contro il personale ostacolandone il lavoro. Successivamente i due sono stati accompagnati negli uffici del Commissariato e denunciati a piede libero per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, associazione a delinquere in concorso, apertura abusiva di luogo di pubblico spettacolo o trattenimento, ed esercizio di spettacolo e trattenimento in locale aperto al pubblico senza licenza.

Inoltre, nell’ambito dei controlli messi in atto dalla Questura di Roma, gli equipaggi delle Volanti e dei Commissariati, anche in occasione della ricorrenza di Halloween, sono intervenuti in diverse zone della capitale a seguito delle segnalazioni al 113 da parte dei cittadini.

A Monte Mario personale del Commissariato è intervenuto in seguito alla segnalazione giunta alla sala operativa relativa ad una violenta lite tra due uomini, in Via della Stazione di Monte Mario. Quando i poliziotti sono arrivati però hanno trovato soltanto un uomo italiano a terra, ancora dolorante, e poco lontano un cittadino straniero che stava tentando di allontanarsi. Gli agenti lo hanno inseguito e bloccato. Inutili i tentativi di ottenere delle risposte sui motivi che avevano scatenato la violenta lite e sulla sua identità. L’uomo, un cittadino ruandese di 19 anni, ancora visibilmente agitato ha rifiutato di fornire i suoi documenti e improvvisamente ha anche aggredito gli agenti colpendoli ripetutamente con calci e pugni. I poliziotti del Reparto Volanti e del Commissariato Monte Mario dopo una breve colluttazione sono poi riusciti ad immobilizzarlo e accompagnarlo in Commissariato. Dovrà ora rispondere del reato di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Nella zona di Castro Pretorio, la Volante del Commissariato di zona e di Esquilino, è intervenuta in Piazza Barberini per una segnalazione di ‘persone sospette’ giunta al 113. Sul posto è stato fermato per un controllo un cittadino algerino di 32 anni, che ha reagito violentemente e ha procurato gravi lesioni ad un componente della pattuglia. Bloccato, l’uomo è stato arrestato per resistenza, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

È SUCCESSO OGGI...