Film Fest, \”Hysteria\” e l\’invenzione del vibratore

0

Come si fa a raccontare la storia dell'invenzione del vibratore nella Londra vittoriana del 1880 senza superare il limite dello scandalo o scadere nel patinato voyeurismo? La sfida appare vinta dal film "Hysteria" dell'americana Tanya Wexler, presentata in concorso ufficiale oggi con gli interpreti Maggie Gyllenhaal e Rupert Everett. Fine umorismo, eleganza dei costumi, battute brillanti, castità assoluta e solo perfetti giochi allusivi.

“La sceneggiatura non aveva bisogno di presentazione. Era così ben scritta che nonostante molti fossero preoccupati del tono del film mi ha subito convinta – ha raccontato la regista – La preoccupazione era se la commedia avesse espliciti riferimenti sessuali. Oppure, al contrario, che rischiasse di diventare un film come una specie di lezione universitaria. Noi volevamo trovare il giusto equilibrio". Nessuno spavento neanche per l'interprete Maggie Gyllenhaal: "Credo che non si possa ignorare che ci sia qualcosa di divertente, interessante, comico nell'invenzione del vibratore nell'Inghilterra vittoriana". E, parlando della sua Charlotte, femminista convinta: "Mi piace Charlotte. Il film funziona proprio con la forza e l'irruenza di questo personaggio. Quando emerge come animale selvatico. Charlotte è adorabile. Se fossi stata una donna vittoriana, avrei voluto essere come lei. L'ho interpretata seguendo il mio istinto. È folle, senza limiti, sensuale, aliena, fuori dal comune. Selvaggia, rispetto alla norma. Radicale ma nell'intimo, un'essenza naturale. Poi, la sceneggiatura era ben scritta. E non è sempre così. Qui era solida, ben fatta, perfetta".

"L'immagine di un medico che porta all'orgasmo le donne stese sul lettino è di per sé esilarante – ha spiegato lo sceneggiatore del film – I personaggi di Maggie e Rupert rappresentano il progresso. Alla loro base ci sono le ricerche sulle scoperte dell'epoca, i testi di medicina dell'800, i movimenti femministi dell'epoca, invenzioni scientifiche". Cambierà atteggiamento verso il vibratore con questo film? "È interessante che possa farlo, ma non voglio che sia un manifesto. È un film divertente, dice che non dobbiamo prenderci troppo sul serio. La presa di potere delle donne passa anche attraverso il divertimento".

"Io ho visto il film per la prima volta al festival di Toronto – racconta la Gyllenhaal – Tutti ridevano, ma in un modo un po’ imbarazzato. Mi sembrava che ci fosse un po’ di timidezza a parlare dell'orgasmo femminile o che i medici all'poca faceva massaggi alle donne per raggiungere l'orgasmo. Forse siamo più vittoriani di quanto si creda. Parlarne è una novità: forse qui in Italia li affrontate di più, ma in America e in Canada la reazione era un po’ timida".

È SUCCESSO OGGI...

Torpignattara, chiuso dalla polizia un bar diventato sede di vari episodi di criminalità

0
Chiuso con ordinanza del Questore di Roma un bar in via di Torpignattara. Gli agenti del commissariato di zona, diretto da Giuseppe Amoruso, dando seguito alle disposizioni della Divisione Polizia Amministrativa e...

Trastevere, due gli arresti degli agenti del commissariato nelle ultime 24 ore

0
Nel corso degli ordinari servizi di controllo del territorio, volti a prevenire e a reprimere i reati e a garantire l’ordine e la sicurezza pubblica nel quartiere di Trastevere, gli agenti del...

Roma, denunciato per lesioni personali, minaccia aggravata e danneggiamento un 40enne romeno. Sequestrata una...

0
Nella giornata del 14 luglio scorso, gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Villa Glori, diretto da Anna Galdieri, hanno effettuato un controllo nei confronti di un uomo sottoposto alla misura...

Castel Romano, sequestrato il Villaggio della Solidarietà

0
Nella mattinata odierna personale del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale , appartenente al Reparto Tutela Ambientale ed Urbanistica della U.O. S.P.E e del Comando Generale, ha dato esecuzione al sequestro...

Atac, dal primo settembre rinnovi tessera on line per le persone con disabilità

0
Dal prossimo primo settembre le persone con disabilità potranno ricaricare on line la tessera del proprio abbonamento. Non sarà più necessario, quindi, recarsi in biglietteria per l'acquisto, ma si potrà completare l'operazione...