La nuova viabilità fa perdere il posto di lavoro

0

Un lavoratore licenziato a causa del nuovo assetto viario di Isola Sacra. Paradossale ma vero. La denuncia è di Roberto Cini, presidente del circolo del Partito democratico Aldo Moro. Dopo aver raccolto le lamentele dei commercianti di piazza della Madonnella, Cini riferisce che i titolari del bar, vedendo diminuire del 50% il giro di affari, sono stati costretti a “tagliare” il personale, passando da due a un dipendente. Inizialmente, per cercare di tamponare la situazione, i proprietari del locale avevano deciso di rimanere aperti anche il lunedì, giorno di riposo, per cercare di recuperare le perdite. Inutilmente. E’ così scattata la sofferta decisione di licenziare uno dei due lavoranti. Così, a distanza di tre mesi da una “sperimentazione” accompagnata da tante polemiche, da un’interrogazione bipartisan in Comune e da una raccolta di firme, la situazione dell’assetto viario sul tratto che va da via della Scafa al Ponte 2 Giugno non è ancora definitiva. E suscita grande malcontento.

«Sin dai primi giorni del mese di agosto i diversi esercizi commerciali della zona avevano lamentato un calo di lavoro del 50%, ma il sindaco aveva rifiutato di incontrarli», interviene Roberto Cini. Alle proteste dei commercianti continuano ad aggiungersi quelle dei cittadini, che vedono privata la località di un'importante arteria. Il circolo Aldo Moro, dopo la raccolta di firme promossa dai consiglieri del Partito democratico, ha sollecitato il Consiglio comunale per il ripristino dell'originario senso di marcia di via della Scafa, iniziativa accolta anche dal presidente del Consiglio comunale e da vari esponenti del Pdl, sindaco in testa. «Che fine ha fatto la sua promessa di ripristinare il vecchio senso di marcia lungo l’ultimo tratto di via della Scafa?», si chiede Michela Califano, capogruppo Pd. «Che valore dobbiamo dare agli impegni presi da Canapini davanti ai commercianti della Madonnella il 26 settembre scorso, durante il Consiglio di approvazione del rendiconto di bilancio? È passato ormai un mese da quel giorno. Le sue dichiarazioni sono registrate e protocollate. Erano forse la solita boutade?». All’Amministrazione è stata proposta, in alternativa, l'istituzione del doppio senso di marcia per limitare la velocità sul tratto e l'ampliamento del parcheggio dell'Expo per venire incontro alle esigenze delle attività della Madonnella, con tutela dei posti di lavoro.

«Evidentemente il sindaco Mario Canapini è ancora preso dai problemi della sua maggioranza e dopo la farsa delle dimissioni poi ritirate stenta a occuparsi dei problemi della città», puntualizzano al circolo. E anticipano, perentori, che «se entro pochi giorni non verrà predisposto un assetto definitivo saremo costretti a organizzare manifestazioni di protesta civile insieme ai commercianti per denunciare l'incapacità e l’inconcludenza del primo cittadino, che sta causando gravi danni all'economia e al decoro di Isola Sacra».

È SUCCESSO OGGI...